QUALE SORPRESA PER LA SCUOLA DENTRO L’UOVO DI PASQUA?

Troveremo la sorpresa del provvedimento di riapertura delle scuole dentro l’uovo di Pasqua? Auguriamocelo ma l’esperienza ci dice di non fare troppo affidamento su speranze che potrebbero andare deluse. Più pragmaticamente si tratta di prendere atto di una scelta annunciata per ora solo a mezze parole da alcuni esponenti del Governo. Solo alcuni. Perché per una metà dell’esecutivo si deve lavorare per il ritorno in classe degli studenti, mentre per l’altra metà l’orientamento è invece di proseguire sulla linea dura di chiusura. Insomma la scuola è divenuta il fronte caldo di divisioni e confronto-scontro tra i membri dell’esecutivo. Per carità, nulla di nuovo ma il clima che si sta delineando la dice lunga sulle difficoltà che si continuano a registrare nell’affrontare le conseguenze della pandemia sul sistema scolastico italiano. Se la situazione è obiettivamente difficile l’aggravante che si può imputare al Governo è di aver tradito a tempo di record quella promessa di dare risposte celeri e definitive che era stata la bandiera con la quale si era presentato il nuovo esecutivo di Super Draghi. Nessuno chiede miracoli ma troppi segnali stanno indicando che il rischio è che si torni al clima di impatanamento – termine non bello ma che rende bene l’idea – dei mesi scorsi e che ha provocato ritardi e il disorientamento di studenti e insegnanti. “In questo momento il governo non ha preso nessuna decisione, ci confronteremo e decideremo. Ci siamo confrontati con i tecnici sulla curva epidemiologica, non abbiamo discusso di misure. Non c’è nessuna decisione”, ha spiegato ieri il ministro della Salute Roberto Speranza. Tradotto: stiamo ancora cercando di trovare una scelta condivisa. Senza fretta, per carità…

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...