I Nas: il Covid viaggia su treni e autobus

Fonte: orizzontescuola.it – 7 aprile 2021

Il covid viaggia sui treni e gli autobus: molti positivi, inconsapevoli o no, prendono i mezzi pubblici di trasporto col rischio reale di contagiare altri passeggeri. A segnalare questa ulteriore preoccupazione per la diffusione del virus, lo studio del Nucleo dei carabinieri per la tutela della Salute, che, su disposizione del Ministero della Salute, ha effettuato una campagna di controllo a livello nazionale. I carabinieri hanno effettuato 736 tamponi in biglietterie, sale d’attesa e stazioni, oltre a 693 veicoli in tutta Italia, e hanno rivelato in decine di casi tracce di materiale genetico riconducibile al virus su obliteratrici, maniglie e barre di sostegno per i passeggeri, pulsanti di richiesta di fermata, oltre che sui seggiolini. Il virus, come è stato più volte segnalato, viaggia quindi sui mezzi pubblici dei quali i maggiori fruitori sono i lavoratori pendolari e anche moltissimi studenti delle scuole secondarie di secondo grado che, dai paesi dello Hinterland ma anche dalle periferie cittadine, ogni giorno si recano a scuola. Lo studio dei NAS ha dunque rilevato carenze nel 10% dei casi: dalla pulizia e la sanificazione dei mezzi alla mancanza dei cartelli di informazione sulle norme di comportamento a bordo dei mezzi e il numero massimo di persone ammesse. Il rapporto dei Nas riporta ancora una volta in primo piano quanto da  sempre è ripetuto dagli esperti: la pianificazione per evitare la diffusione del virus deve andare di pari passo con una attenta e rigorosa politica di implementazione e di controllo dei trasporti pubblici da parte di regioni e comuni. A partire dalla stretta osservanza delle norme anti-contagio

Abstract articolo di  Pasquale Almirante

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...