Mozione M5S per la didattica digitale e la matematica

Il Movimento 5 stelle propone una mozione in Senato riguardante l’insegnamento della matematica e dell’educazione digitale. “Con la mozione in discussione oggi in Senato, diamo al Governo l’impegno a continuare a investire nel Piano nazionale per la scuola digitale, con risorse adeguate e con l’introduzione di metodologie innovative di apprendimento della matematica specialmente nella scuola primaria, ossia l’età in cui si insidia nelle bambine e nei bambini il pregiudizio di non essere nati per la matematica”. Secondo il Movimento 5 stelle si deve unire la strategia nazionale di formazione con i settori del lavoro del welfare e dello sviluppo nazionale culturale e artistico del nostro Paese in modo da promuovere la crescita complessiva dell’Italia. Per fare ciò è fondamentale quindi una formazione professionale dei docenti  “in Italia si registra un grave ritardo nel campo della formazione matematica, tecnico-scientifica e digitale, che ostacola la crescita economica e lo sviluppo sociale del Paese. Non c’è altro tempo da perdere”. Così si esprime  Maria Laura Mantovani, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Affari Costituzionali al Senato  e prima firmataria della mozione. Ma questa non è l’unica mozione che proviene da questo stesso partito, nel frattempo  Marco Bella, deputato del Movimento 5 Stelle è primo firmatario della mozione sulla riapertura delle scuole confluito in un testo condiviso da tutte le forze di maggioranza. “La mozione che verrà votata dal Parlamento chiede più coraggio e uniformità nella politica scolastica. Tra gli impegni principali del testo c’è la fine dello stop al “fai-da-te” degli amministratori locali in materia di politica scolastica e l’individuazione di criteri univoci per far scattare un’eventuale chiusura degli istituti. Molto importante – aggiunge il deputato – l’accento posto sul trasporto pubblico locale, che va organizzato dagli enti territoriali in modo da garantire lo spostamento in sicurezza delle studentesse e degli studenti delle superiori”.

Ilaria Montenegri

Fonti: orizzontescuola.it

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...