SCUOLA, SEGNALI DI GUERRA TRA GOVERNO E SINDACATI

Ad una anno dall’inizio della pandemia la situazione è dunque questa: non esiste un sistema di monitoraggio e analisi puntuale dei contagi a scuola. Incredibile ma vero, queste sono le parole con le quali è stato illustrato il quadro dalla Fondazione Bruno Kessler di Trieste durante la riunione del Comitato tecnico scientifico: «per l’analisi dei contagi intrascolastici non si hanno, a oggi, informazioni; non esistono stime di trasmissibilità nelle scuole e quindi non è possibile analizzare l’effetto della riorganizzazione scolastica alla ripresa della attività didattica dopo la scorsa estate». Si dirà: per fortuna la campagna di vaccinazione garantirà maggiore sicurezza per docenti e personale tecnico, contribuendo a ridurre la diffusione del covid. Peccato che la vaccinazione sia stata sospesa, offrendo ancora un argomento di scontro tra governo e sindacati. E questa volta sono invece le parole di Marcello Pacifico, presidente Anief, a sintetizzare efficacemente quello che sta avvenendo: “sul più bello, proprio mentre torneranno a scuola per svolgere le lezioni in presenza, anche nelle zone rosse, dove c’è meno sicurezza, almeno 400 mila insegnanti, educatori e Ata saranno costretti a farlo senza vaccinazione”. Un dato di fatto che ha portato i sindacati a scendere sul piede di guerra. «Ci sono regioni indietro nei vaccini tra i docenti – sottolinea Maddalena Gissi, segretaria nazionale Cisl scuola – e altre che hanno quasi completato la campagna. Dovremmo evitare queste discrepanze territoriali, non è giusto che ogni regione vada da sé». Se è vero che a livello nazionale la percentuale di vaccinazione è tra il 60 e il 70%, il problema è la grande differenziazione su scala regionale. Per avere un’idea basti pensare che il dato della Calabria è il 29% di vaccini effettuati, mentre per la Liguria è il 30%, la Sardegna il 32% e le Marche il 36%. Se si considera che sono tornati in classe 6,6 milioni di docenti le preoccupazioni dei sindacati sono legittime. La vera novità è che per la prima volta le organizzazioni sindacali hanno alzato i toni, abbandonando la diplomazia fin qui seguita. Il giudizio negativo sull’esito dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi con il governo è un chiaro segnale che il vaso è colmo. Sul tavolo del ministero ci sono richieste precise in merito a monitoraggio dei contagi e potenziamento delle misure, per garantire davvero che le lezioni siano svolte in sicurezza. Vedremo se i prossimi giorni ci regaleranno dei passi in avanti. Altrimenti il governo dovrà mettere in conto qualche brutta sorpresa.

Alberto Barelli

Articoli recenti

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

Meno male che per i giovani studenti si parla di “nativi digitali”, perché con la testiera sembra proprio che se la cavino malino. A decretare una sonora bocciatura è Save the Children, che ha recentemente reso noto il risultato di una indagine tra gli adolescenti. Il...

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

L'attenzione di migliaia di aspiranti docenti è già rivolta al secondo concorso scuola 2024, il cui bando dovrebbe arrivare in autunno, al massimo entro ottobre.   Secondo Concorso scuola 2024: PNRR Il secondo Concorso a cattedra 2024 è, nello specifico, l’ultima...