Graduatorie ATA, proroga domanda al 26 aprile ma non per i titoli

Fonte:  orizzonte scuola – 21 aprile 2021

La presentazione della domanda per le Graduatorie terza fascia personale ATA è stata prorogata con DM del 20 aprile fino al 26 aprile, in considerazione della situazione epidemiologica che ha reso difficile il lavoro di assistenza agli aspiranti.

Resta ferma invece confermata la data, già presente nell’OM n. 50 del 3 marzo 2021, per il conseguimento dei titoli valutabili: 22 aprile 2021. Questa data riguarda sia i titoli di servizio che i titoli culturali delle specifiche tabelle di valutazione ed assicura equità di trattamento per tutti gli aspiranti. Il servizio sarà quindi considerato valido fino al 22 aprile anche se la domanda è stata presentata prima della scadenza. Pertanto la proroga del termine è circoscritta esclusivamente alla presentazione della domanda e non si estende agli altri profili previsti dal bando in quanto disposta unicamente per venire incontro alle difficoltà di presentazione delle istanze di partecipazione a fronte della straordinaria situazione epidemiologica in atto. Al fine di garantire la parità di trattamento tra tutti i candidati, possono pertanto essere dichiarati esclusivamente i titoli di servizio e di cultura maturati e conseguiti entro la data del 22 aprile come previsto dal bando di concorso.

Resta confermato che non è possibile inserire titoli culturali con riserva. Resta inteso che la data di scadenza va intesa come tassativa per tutti gli aspiranti e non è possibile inserire titoli con “riserva”, anche se ad es. manca solo l’esame finale per il conseguimento dell’attestato o si tratta di titoli che potrebbero comunque essere conseguiti prima del 31 agosto 2021.

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...