Bandi Erc, per ogni cervello che rimane in Italia ce n’è un altro che parte

Fonte: orizzontescuola.it –11 maggio 2021

Abstract articolo di Eu.B.

Per ogni “cervello” che rimane in Italia per approfondire i suoi studi o avviarne di nuovi ce n’è almeno un altro che invece si trasferisce all’estero. Covid o non Covid. Brexit o non Brexit. Questo emerge dai dati dell’European research center, che ha appena festeggiato le 10mila “borse” erogate, con una cerimonia a Bruxelles alla quale hanno partecipato – tra gli altri – la presidente della Commissione Ue, Ursula Von Der Leyen, e il numero uno dell’Europarlamento, David Sassoli.

Anche in tempi di pandemia i Grant dell’Erc sono un termometro efficace dello stato della ricerca nel Vecchio continente. (…) Per l’Italia emerge un quadro complessivo in chiaroscuro. Se è vero che il nostro Paese occupa il quarto posto per nazionalità dei ricercatori premiati, con poco più di 1.000 Grant (alle spalle di Germania, Regno Unito e Francia), scende al sesto per numero di progetti ospitati. A causa di un import-export quasi a saldo zero. A fronte di 64 studiosi stranieri che sono venuti da noi e 534 connazionali che hanno scelto di restare ce ne sono infatti 498 che hanno optato per la fuga. Per i tedeschi lo stesso rapporto è di 1.189 a 632, con 497 accessi dall’estero; per gli inglesi è di 1.057 a 172, con 1.074 ingressi stranieri.

I dati rivelano l’appeal ancora limitato delle nostre strutture. Basti pensare che nella classifica dei primi 20 atenei per attrattività di borsisti dell’Erc, capitanata da Oxford e Cambridge, non c’e alcuna realtà tricolore. E lo stesso vale per i migliori 6 centri di ricerca.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...