LA CARICA DEI DIRIGENTI BOCCIATI

Sono stati bocciati in centinaia e non ci stanno.

E dopo i mugugni, le proteste e i ricorsi alla magistratura si sono riuniti in comitato. L’ennesimo comitato di protesta del mondo della scuola. Solo che questa volta non si tratta di studenti e nemmeno degli aspiranti docenti bocciati al concorso.

Stiamo parlando niente di meno che dei dirigenti scolastici o, è il caso di dire, aspiranti tali, visto che la recente selezione si è conclusa con un esito amaro per ben quasi quattrocento candidati.

Una bocciatura non è mai piacevole ed è più che prevedibile che possa non andare giù. Ma a far diventare la questione un vero e proprio caso è il numero elevato di proteste per una modalità di prova ritenuta piena di aspetti discutibili, a iniziare dalla denunciata difformità di valutazione tra le varie commissioni. Commissioni che, per riportare un altro degli elementi contestati, in molti casi non sarebbero state regolari.

A far pensare che qualcosa non sia andato per il verso giusto è il dato di fatto con il quale ora si tratta di fare i conti: ben duecento ricorsi alla magistratura. Che di questi nessuno otterrà un riscontro positivo è difficile da sostenere e non c’è bisogno di avere facoltà di preveggenza per pronosticare che per il ministero si prospetta una bella grana.

Il problema, come viene sottolineato dal comitato «giustizia per l’orale», è che il prossimo anno mancheranno centinaia di dirigenti scolastici. I numeri diffusi nel documento parlano chiaro: a fronte di circa seicento pensionamenti, che porta il fabbisogno a mille dirigenti, in graduatoria residua si può contare su 897 candidati, cifra che sarà decurtata per le rinunce all’incarico.

Se questo è il quadro, non era il caso di pensare e organizzare prove di concorso più lineari, così da evitare polemiche, ricorsi tutt’altro che estranei alla storia italiana?

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...