SCUOLA: IL MINISTERO BOCCIATO IN MATEMATICA

E meno male che la matematica, assieme alle materie scientifiche, è tornata al centro dell’attenzione dei dirigenti del ministero dell’istruzione, perché il dubbio che si sappia fare i conti si fa sempre più serio.

Anzi, come è stato evidenziato in ultimo da un’inchiesta condotta da Il Sole 24 Ore, che, essendo il quotidiano di Confindustria, i conti sicuramente li sa fare bene, i dati parlano chiaro: in fatto di assunzioni dei docenti si sono sbagliati e di grosso: niente di meno che di trentacinquemila unità.

Tante sono le cattedre che rischiano di restare vuote. Se al ministero andasse un voto, in matematica una sonora bocciatura insomma non la scongiurerebbe nessuno.

Secondo i sindacati, a rendere ancora più cupo l’orizzonte è il fatto che il prossimo anno scolastico gli insegnati impiegati a tempo determinato saranno la bellezza di quasi duecentomila e si parla già di un nuovo concorso per i precari per rimediare.

Per la verità sarebbe più di una voce, dal momento che il provvedimento è inserito nel decreto del 25 maggio, ma anche in questo caso le certezze sono davvero poche.

Intanto una sonora bocciatura delle scelte relative alla scuola inserite nel decreto Sostegni-bis viene dalla Uil. Il dito viene puntato contro le “attività di recupero” previste a settembre, rispetto alle quali si parla si “invasione di campo legislativa nella materia contrattuale dell’orario di lavoro”.

L’accusa è di aggirare la contrattazione e si chiede senza mezzi termini l’annullamento di quanto previsto. Non piace neppure il contributo di 50 milioni di euro al sistema paritario, considerato “il solito regalo alle scuole paritarie”. La vera nota dolente è considerata comunque appunto quella relativa ai precari, le cui soluzioni sono ritenute il frutto di “veti e bandierine di partito che ne determina un pasticcio da cui è difficile uscirne e che sarà fonte di contenziosi visto anche le decisioni che ledono i più elementari diritti costituzionali”.

Per il sindacato non ci sono dubbi: sarà necessario introdurre modifiche in fase di trasformazione in legge, per permettere ai docenti non abilitati con tre anni di servizio di poter accedere alle immissioni in ruolo. Chi pensava che la pandemia avesse portato a una svolta anche in materia di istruzione si è sbagliato di grosso e anche il prossimo anno, purtroppo, ne vedremo delle belle.

Diretto Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...