Graduatorie ATA terza fascia: la richiesta dei sindacati per gli errori

Fonte: Orizzontescuola.it – 3 giugno 2021

Abstract articolo di Redazione

Gli aspiranti all’inserimento/conferma/aggiornamento della terza fascia delle graduatorie ATA che hanno presentato la domanda entro il 26 aprile sono 2.178.949 ed ora le istanze dovranno essere controllate dalle segreterie per la costituzione delle graduatorie con valore triennale, 2021/22 2022/23 e 2023/24.

Era possibile presentare domanda per uno o più dei seguenti profili: assistente amministrativo; assistente tecnico; cuoco; infermiere; guardarobiere; addetto alle aziende agrarie; collaboratore scolastico.

La prima problematica emersa è che numerosi aspiranti, già inseriti dal 2017, hanno compilato in maniera erronea la domanda non importando le scuole: in questo modo compare per loro una sola scuola e non le altre 29 (numero max che si poteva inserire).

I sindacati chiedono 5 – 10 giorni di tempo per permettere l’inserimento delle scuole

Inoltre numerosi candidati hanno cliccato CONFERMA e non AGGIORNAMENTO. Si valuta il servizio dal 2017? Il servizio verrà conteggiato dalle segreterie fino al 22 aprile, anche per chi ha dichiarato fino al 30 giugno. (…)

Dopo la chiusura della domanda alcuni aspiranti si sono accorti di aver commesso un errore importante: non hanno scelto le 30 scuole, forse facendo affidamento sul fatto che nel 2017 la procedura cartacea è stata in due tempi: prima presentazione della domanda e poi dopo qualche tempo scelta della scuola. Avevamo avvertito della modifica Graduatorie ATA terza fascia, anche le scuole vanno scelte entro il 22 aprile. (…)

Il reclamo e la correzione di errori materiali

Nei casi di esclusione o nullità è ammesso reclamo al dirigente della scuola capofila.

Il reclamo deve essere prodotto entro 10 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria. Nel medesimo termine si può produrre richiesta di correzione di errori materiali.

Decisi i reclami ed effettuate le correzioni degli errori materiali, l’autorità scolastica competente approva la graduatoria in via definitiva.

Cosa si intende per “errore materiale”

Non si può certo intendere l’inserimento di titoli magari già in possesso entro la data del 22 aprile 2021 ma che l’aspirante ha dimenticato di inserire, o di titoli inseriti con riserva (anche se non era possibile farlo) e poi conseguiti successivamente alla data del 22 aprile 2021.

Può essere considerato errore materiale la trascrizione non corretta della data di conseguimento del titolo di accesso o di altri titoli, purché entro il 22 aprile.

Ossia tutte situazioni verificabili, per le quali la fretta e la distrazione potrebbero aver giocato un brutto scherzo.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...