Concorso ordinario materie scientifiche STEM, solo prova orale e scritta e ruolo a settembre 2021: tanti aspiranti chiedono di poter partecipare

Fonte: orizzontescuola.it – 9 giugno 2021

Abstract articolo di Redazione

Il concorso ordinario per le materie scientifiche STEM piace ai docenti in attesa da più di un anno di poter svolgere le prove per le quali si sono iscritti entro il 30 luglio 2020. Piace sia la procedura semplificata con sola prova scritta e orale che piace la prospettiva del ruolo a settembre – ottobre 2021. Non è gradito invece lo stallo inaccettabile per la scuola italiana malata di supplentite.

Le classi di concorso previste

L’articolo 59, comma 14 e seguenti, del decreto n. 73/2021 prevede lo svolgimento, anche in deroga alla normativa vigente, delle procedure del concorso ordinario della scuola secondaria già bandito con DD n. 499/2020, riguardanti le seguenti classi di concorso:

  • A020 Fisica (282 posti)
  • A026 Matematica (1005)
  • A027 Matematica e Fisica (815)
  • A028 Matematica e Scienze (3124)
  • A041 Scienze e tecnologie informatiche (903)

Si tratta di più di 6mila posti, ma fioccano le lamentele da parte dei candidati di altre classi di concorso. Ad es. la classe di concorso A040 oppure la classe di concorso A047 oppure le classi A060 (Tecnologia nelle scuole di primo grado) e A050 (Scienze naturali, chimiche e fisica).

Possono partecipare solo gli aspiranti che hanno scelto queste classi di concorso entro il 31 luglio 2020.

La partecipazione al concorso è consentita ai soli aspiranti che hanno presentato l’istanza di partecipazione entro il 31 luglio 2020 e per le sole classi di concorso relativamente alle quali hanno presentato la predetta domanda.

Può darsi dunque il caso che ci siano numerosi aspiranti che, in base alla regola per la quale era possibile scegliere solo una classe di concorso per la scuola secondaria di I grado e una per la scuola secondaria di II grado, si siano orientati su altre classi di concorso. Questione di fortuna? di lungimiranza? chi avrebbe potuto immaginare un simile scenario un anno fa?

Così come altrettanti aspiranti, non in possesso dei requisiti entro la data di scadenza, premono per poter confrontarsi con i colleghi già iscritti.

Procedura semplificata

Per poter assicurare le immissioni in ruolo da settembre 2021, al masimo da ottobre, la procedura sarà semplificata e prevederà solo una prova scritta computer based con quesiti a riposta multipla e una prova orale. Niente valutazione dei titoli, procedura che richiede molto tempo.

Si teme che il secondo round dei concorsi non vada in porto

Quale è la preoccupazione? Che il secondo round dei concorsi (quello per tutte le altre classi di concorso e nuovamente per le materie scientifiche STEM) possa non andare in porto, perdersi nei meandri del Ministero e lasciare ancora per anni nel limbo gli aspiranti docenti. L’obiettivo del Ministero è quello di concorsi leggeri, che non intasino il normale corso dei lavori scolastici e che possano produrre risultati in tempi rapidi.

Per questo motivo il DL Sostegni bis modifica anche l’impianto del concorso ordinario, cancellando preselettiva e seconda prova scritta.

Nelle prossime settimane la conversione del Decreto e l’avvio del concorso STEM.

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...