Gratteri: i nostri docenti poveri sono considerati sfigati, colpa di governo ed enti locali che spendono soldi in sagre

Fonte: tecnicadellascuola – 15 giugno 2021

Abstract articolo di Alessandro Giuliani

Per il procuratore Nicola Gratteri in Italia lo Stato spende troppo poco per la scuola. Investe somme non adeguate per migliorare la didattica e per pagare gli insegnanti, diventati nel frattempo sempre più poveri. Il procuratore capo della Repubblica di Catanzaro è intervenuto ad un evento a Vibo Valentia, nel corso del quale ha detto che “negli ultimi 40 anni i governi non hanno voluto investire nel campo dell’istruzione perché un popolo ignorante, che ride di fronte alle barzellette, è più malleabile rispetto ad uno istruito”.

Docenti considerati sfigati

Nel frattempo, ha continuato il procuratore, “gli insegnanti sono divenuti sempre più poveri e il fattore economico è importante in una società consumistica e a volte un ragazzo è portato a guardare più al cafone con i soldi che all’insegnante sfigato”.

Un rinnovo di contratto in 10 anni

A questo riguardo, ricordiamo che nell’ultimo decennio l’unico incremento stipendiale prodotto è stato quello del 2019, quando le buste paga sono aumentate del 3,48%, come del resto deciso per tutto il pubblico impiego: il risultato è che le buste paga di docenti e personale Ata risultano tra le più basse d’Europa, dietro solo a quelle dei Paesi dell’Est e della Grecia.

L’attacco a Regioni e Comuni

Secondo Gratteri, ciò che accade in Italia sul fronte dell’istruzione è alla fine niente altro che “il risultato dello Stato che non investe: anziché spendere soldi per le sagre – ha tenuto a dire il procuratore di Catanzaro riferendosi alle scelte sugli investimenti fatte presso gli enti locali – si potrebbero investire in corsi ed incontri destinati ai ragazzi e ai docenti”.

Lo disse già nel 2017

Non è la prima volta che Nicola Gratteri esprime questi concetti.

Qualche anno fa, lo stesso procuratore capo aveva detto:

“I giovani vedono il ragazzetto con la macchina di grande cilindrata e lo considerano un mito, poi vedono l’insegnante con una utilitaria e lo considerano un morto di fame”.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...