A SCUOLA DI COMICS

Avatar e Comics strumenti efficaci per l’inclusione degli studenti affetti da disabilità. A dare risalto alla notizia è niente di meno che l’autorevolissimo e serissimo Il Sole 24 Ore, quotidiano di Confindustria.

Chi avesse delle perplessità non può che prendere in considerazione la cosa, per convincersi magari che le ragioni a supporto non mancano.

Più in generale, nel leggere la testimonianza relativa a un’esperienza messa in campo con i ragazzi disabili – a parlarne è l’operatrice Marianna D’Alessio – emerge l’importanza del contributo della distanza proprio nel garantire il supporto ai ragazzi con difficoltà di apprendimento.

L’aspetto curioso è senza dubbio il filo conduttore attorno al quale sono state pensate le lezioni, messe a punto nell’ambito del progetto “DAD e Inclusione”: la realizzazione di Avatar e fumetti.

Il messaggio che si voleva trasmettere ai ragazzi è l’unicità che contraddistingue ogni persona, invitando a riflettere anche sull’importanza dell’attenzione verso gli altri.

“L’approccio al digitale nella costruzione degli Avatar prima e nelle realizzazione dei “Comics dell’Amicizia” poi si è scoperto funzionale a restituire alla didattica valore e forza. – spiega D’Alessio – La realizzazione degli Avatar e dei Comics digitali si è rivelata utile a differenziare contenuti e abilità, modulando attività secondo processi diversi e realizzando attività a cui tutti hanno potuto partecipare, con forti ricadute sui vissuti di auto-efficacia, stima di sé, sviluppo di abilità sociali, problem-solving ed educazione alla reciprocità”.

Quindi aggiunge:

“Le tecnologie digitali possono costituire un nuovo modo – in una avvincente prospettiva – di fare scuola, a distanza e non solo, dove tutti gli alunni partecipano attivamente al percorso di apprendimento sperimentando il successo creativo, la cooperazione e la condivisione. L’esperienza della Dad è stata un po’ un ponte tra due mondi: il mondo della didattica digitale – che abbiamo sempre avuto a disposizione – e una didattica di stampo tradizionale – che ha mostrato alcuni suoi limiti ancora una volta. Il mondo digitale potrebbe rivelarsi un’enorme risorsa per le scuole in questo periodo di pandemia, protocolli e restrizioni”.

L’aspetto importante evidenziato è l’arricchimento degli strumenti educativi e la possibilità di aumentare la capacità di offrire approcci didattici differenziati. La condizione per ottenere risultati, ci sembra evidente, è la presenza di due ‘ingredienti’ fondamentali: immaginazione e voglia di sperimentare il nuoco.

Non sarà che i detrattori della didattica a distanza e degli strumenti formativi digitali debbano lo loro avversità anche a un po’ di pigrizia e mancanza di fantasia?

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...