GREEN PASS ARCHIVIATO, ORA SI PARLI DI CLASSI POLLAIO E CATTEDRE SCOPERTE

È green, totalmente green il mondo della scuola e dell’informazione.

Verrebbe da dire un po’ troppo, visto che la notizia dell’introduzione del pass obbligatorio per entrare a scuola ha letteralmente monopolizzato la stampa e la sezione delle notizie dei vari siti. Dato che, passatecelo, ora devono averlo capito anche i muri delle scuole, speriamo che dalla prossima settimana si legga qualcosa di diverso.

Da parte nostra non ripeteremo più la parola nelle prossime righe, soffermandoci su altri aspetti. Il Governo non nasconde la soddisfazione per decisioni che hanno scongiurato provvedimenti che avrebbero ottenuto reazioni contrastanti, come l’obbligo vaccinale.

Il premier Draghi ha sottolineato come il Piano scuola sia stato approvato all’unanimità e, in effetti, ha tutti i motivi per sottolineare quello che è un doppio successo.

Da un lato essere riusciti a disinnescare distinguo o voci contrarie da parte delle stesse forze di governi, dall’altro aver licenziato un pacchetto di provvedimenti che non ha provocato malcontento tra le varie componenti del mondo della scuola.

Qualche perplessità sta suscitando la questione dei test rapidi per gli studenti, mentre si tratterà di verificare la questione legata alla gestione degli insegnanti che rifiutano il vaccino.

Ma a questo punto si tratta di problematiche secondarie.

Per il paese si è trattato di una boccata di ossigeno, questo è indiscutibile, anche se si poteva arrivare a queste decisioni evitando un’attesa infinita e snervante. Quello che vogliamo sottolineare è che ora non ci sono più scusanti per non parlare del merito dei tanti problemi sul tappeto.

Da più ambiti è stata avanzato il dubbio che la discussione sui vaccini e il pass sia stata sfruttata per sviare l’attenzione dai nodi rimasti irrisolti. Per la scuola sono tanti e tutti irrisolti. Che siano i temi delle classi pollaio, della carenza dei trasporti e delle cattedre scoperte al centro delle notizie da qui all’inizio delle lezioni.

Magari potendo leggere i resoconti di qualche soluzione finalmente concretizzatasi. Non ci sono più scuse.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...