“MATURITÀ A COLLOQUIO” AL VIA L’8 SETTEMBRE.

Il 2021 è l’anno delle eccezioni e questo vale anche per l’esame di maturità. Il Ministero dell’Istruzione, infatti, con nota del 6 agosto n. 19304, d’intesa con i Sindacati, ha definito le “Linee operative per garantire il regolare svolgimento degli esami conclusivi di Stato 2020/2021”, prevedendo una sessione dei colloqui, per l’esame di Maturità  che si aprirà l’8 settembre p.v.

Le commissioni

Le commissioni d’esame saranno le stesse della sessione ordinaria e si insedieranno il 6 settembre nelle scuole dove sono presenti candidati che hanno chiesto di sostenere gli esami nella sessione straordinaria.

I candidati impossibilitati a sostenere la prova in presenza, ad esempio perché degenti in ospedale, possono svolgere il colloquio a distanza in videoconferenza. Ciò sarà possibile inviando motivata richiesta di effettuazione del colloquio fuori dalla sede scolastica, corredandola di idonea documentazione. Il dirigente/coordinatore – o il presidente della commissione – dispone la modalità d’esame in videoconferenza.

Modalità d’esame

Il colloquio si svolgerà con le seguenti modalità:

a) discussione di un elaborato multidisciplinare, concernente le discipline caratterizzanti dagli apporti di altre discipline o competenze individuali presenti nel curriculum dello studente, e dell’esperienza svolta durante il percorso di studi. L’argomento è stato assegnato a ciascun candidato dal consiglio di classe, tenendo conto del percorso personale, su indicazione dei docenti delle discipline caratterizzanti, entro il 30 aprile scorso.

b) discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana, o della lingua e letteratura nella quale si svolge l’insegnamento, durante il quinto anno e ricompreso nel documento del consiglio di classe;

c) analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla sottocommissione, con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline, anche nel loro rapporto interdisciplinare;

d) esposizione da parte del candidato, eventualmente mediante una breve relazione ovvero un elaborato multimediale, dell’esperienza svolta durante il percorso di studi, solo nel caso in cui non sia possibile ricomprendere tale esperienza all’interno dell’elaborato di cui alla lettera a).

Dott.ssa Chiara Pasqui

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...