Inviato protocollo misure anti-Covid alle scuole e Bianchi ribadisce: senza green pass il personale verrà sospeso

E’ stato inviato dal Ministero dell’Istruzione alle istituzioni scolastiche il Protocollo di sicurezza siglato con le Organizzazioni sindacali accompagnato da una nota esplicativa che contiene anche indicazioni sul tema dei tamponi diagnostici.

Il Ministero si impegna ad attivare:

un servizio di Help Desk dedicato alle istituzioni scolastiche, per richiedere assistenza via web al fine di raccogliere quesiti e segnalazioni sull’applicazione delle misure di sicurezza e fornire assistenza e supporto operativo anche di carattere amministrativo; un Tavolo nazionale permanente composto da rappresentanti del Ministero dell’Istruzione, del Ministero della Salute e delle OO.SS. firmatarie del presente Protocollo, con funzioni di gestione condivisa relativa al confronto sull’attuazione delle indicazioni del CTS presso le istituzioni scolastiche e di analisi e monitoraggio dei dati.

Inoltre un Tavolo di lavoro permanente presso ogni USR, di cui fanno parte rappresentanti dell’USR designati dallo stesso Direttore, delle OO.SS. del settore scuola e dell’area istruzione e ricerca firmatarie del presente Protocollo, degli enti locali, dei Servizi di igiene epidemiologica e della Protezione Civile operanti sul territorio ed ancora saranno predisposti incontri tra il Ministero e le OO.SS in ordine all’attuazione della presente intesa almeno una volta al mese e comunque a richiesta anche di una delle parti, condivisa da almeno tre OO.SS.

Il ministero si impegna anche nella comunicazione, monitoraggio, supporto per la formazione, fornitura di mascherine; verrà richiesta al Ministero della Salute una corsia preferenziale per la vaccinazione del personale scolastico e per la somministrazione di tamponi per personale e studenti e studentesse, e verrà individuato per tutte le scuole un medico competente che effettui la sorveglianza sanitaria.

Le misure prescritte nel documento toccano con precisione tutti gli ambiti, dai dispositivi di protezione obbligatori alla gestione delle entrate e uscite del servizio mensa, alla gestione di eventuali casi sintomatici, obblighi del personale, sanificazione degli spazi e aerazione.

E’ previsto in accordo con gli ordini degli Psicologi il rafforzamento di sportelli di ascolto per il supporto psicologico e pedagogico-educativo.

Nel Frattempo il Ministro Bianchi presso il Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini ribadisce che

“tutti coloro che hanno un Green pass sono dentro la scuola, saranno presenti all’inizio della scuola a settembre, invece coloro che non hanno un Green pass, come dice la norma attuale, ovviamente saranno sospesi”.

Dott.ssa Ilaria Montenegri

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...