Allarme Istat: l’Italia si sta spopolando. Forti rischi per le scuole dei piccoli Comuni

Fonte: latecnicadellascuola.it – 27 settembre 2021

Abstract articolo di Reginaldo Palermo

Il 2021 rimarrà nella storia del Paese: per la prima volta dall’Unità d’Italia il numero dei nati scenderà sotto la soglia delle 400mila unità.

La previsione è stata comunicata da Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat.

“I nuovi nati in Italia dal 2014 sono in forte calo – spiega Blangiardo – nel 2020, l’anno orribile della pandemia, si è arrivati a 404mila, e secondo le mie valutazioni il 2021 si chiuderà entro un range 385-395mila nascite. È un trend in atto da tempo, ma questo ulteriore calo possiamo dire che è effetto della seconda ondata della pandemia di ottobre-novembre dello scorso anno”.

Le conseguenze per il sistema scolastico potrebbero essere pesanti e non è detto che la riduzione del numero di alunni per classe possa essere una soluzione definitiva.

Nelle grandi aree urbane, infatti, il calo demografico potrebbe avere conseguenze accettabili, ma nelle aree più periferiche e nei piccoli paesi si rischierà di non riuscire più a garantire la sopravvivenza dei plessi (soprattutto di infanzia e primaria) con pochissimi alunni.

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...