Confermata la Carta del docente: il bonus di 500 euro rimane

Le 500 euro della Carta docente rimangono.

Contrariamente a quanto si vociferava, il Governo ha ritirato la misura che aboliva il bonus spesa, che resterà così in vigore oltre il 1 settembre 2022.

Cosa prevede la “Buona Scuola”

La legge n. 107/2015, in merito all’istituzione della Carta del Docente, prevede una continuazione di validità e fruibilità della stessa.

Sul punto specifico l’art. 121 così asserisce:

“Al fine di sostenere la formazione continua dei docenti e di valorizzarne le competenze professionali, è istituita, nel rispetto del limite di spesa di cui al comma 123, la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado. La Carta, dell’importo nominale di euro 500 annui per ciascun anno scolastico, può essere utilizzata per l’acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale, per l’acquisto di hardware e software, per l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale, per rappresentazioni teatrali e cinematografiche, per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo, nonchè per iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione di cui al comma 124. La somma di cui alla Carta non costituisce retribuzione accessoria né reddito imponibile”.

La Carta del Docente

E’ un’iniziativa del Ministero dell’istruzione prevista dalla Legge Buona Scuola (L. 107/2015, in particolare art. 1 comma 121) ed istituisce la carta elettronica con l’obiettivo di agevolare l’aggiornamento e la formazione dei docenti delle istituzioni scolastiche.

Il bonus spetta ai docenti di ruolo a tempo indeterminato delle istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi anche docenti in periodo di formazione, docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti autorizzati.

La Carta consente di spendere fino a 500 euro per la formazione personale e l’acquisto di:

  • libri e testi, anche in formato digitale;
  • hardware e software;
  • iscrizione a corsi di laurea ovvero corsi post lauream o master universitari;
  • titoli di accesso per rappresentanti teatrali e cinematografiche;
  • titoli di ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate dal Piano Nazionale di formazione (Buona scuola).

La notizia della proroga era attesa da migliaia di docenti, che ora potranno pianificare i propri percorsi formazione.

Dott.ssa Chiara Pasqui

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...