Importanti proposte di riforma al varo del Ministro Bianchi

Maturità 2022: orale più tesina

La maturità 2022 sarà quella della svolta? Sembra proprio di si. Certo è che molto si sta dibattendo sul tema, dopo che il Ministro Bianchi ha annunciato la convinzione di riformare la prova, confermando le modalità degli ultimi due anni. Cioè una prova solo orale, più una tesina da presentarsi prima dello svolgimento dell’esame.

I motivi che hanno portato a questa ipotesi sono chiari: l’emergenza Covid, vissuta con innumerevoli disagi anche dagli studenti che stanno frequentando il V anno, ha senz’altro lasciato il segno e non si vuole che siano gli studenti a farne le spese, penalizzandoli.

Secondo le prime indiscrezioni il Ministro Bianchi vorrebbe rafforzare la vis dell’elaborato, andando a strutturare una tesina più corposa ed approfondita, prevalentemente concordata coi membri interni della Commissione esaminatrice.

In sede d’esame, si procederà ad un maxi orale suddiviso in quattro parti.

Per tornare alla normalità servirà tempo; si opterà, quindi, per un maxi orale, elaborato, commissione interna e presidente esterno.

L’ unica novità potrebbe essere la possibilità di svolgere il tema in italiano, che al momento sembra solo un’ipotesi remota.

Insegnare alla primaria con 60 cfu: forse sarà possibile.

Altra importante tematica su cui molto si sta dibattendo è la possibilità di insegnare alla primaria acquisendo questi ulteriori 60 cfu.

Per i nuovi laureati, in possesso del titolo per insegnare alla scuola primaria e scuola d’Infanzia, potrebbe essere possibile partecipare ai concorsi ordinari banditi nel prossimo futuro.

I partiti politici hanno stilato alcune proposte in merito: c’è gran fermento fra le forze politiche, ciascuna delle quali ha la propria ricetta risolutiva.

Tutto passa dell’abilitazione all’insegnamento e poi inevitabilmente dal concorso ordinario per il ruolo.

L posizione dell’ex ministra dell’Istruzione Azzolina era semplice e lineare: titolo di studio, concorso ordinario biennale e quindi poi il ruolo.

La proposta della Lega è quella del sen. Pittoni, che da anni spinge per la riesumazione dei PAS (Percorsi Abilitanti Speciali), una sorta di corso post universitario annuale o biennale, ancora non è chiaro, per conseguire l’abilitazione.

La proposta del ministro Bianchi è un po’ diversa: introdurrebbe i 60 CFU (al posto degli attuali 24) abilitanti da conseguire successivamente al conseguimento della laurea quinquennale (3+2).

Le ricette di Pittoni e di Bianchi passano inevitabilmente dal concorso ordinario per poi avere il ruolo.

I concorsi dovrebbero avere cadenza biennale e i posti messi a bando serviranno in parte per coprire i pensionamenti e in parte per combattere il precariato scolastico.

Staremo a vedere l’evolversi delle situazioni per capirci di più ma anche in questo caso una riforma è senza dubbio all’orizzonte.

Dott.ssa Chiara Pasqui

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...