CLASSI IN QUARANTENA E RICORSO ALLA DAD

Decine di classi in quarantena in tutto il territorio nazionale. Morale della favola: è ancora la didattica a distanza ad assicurare la continuità formativa.

Questa è una delle poche certezze, nel momento in cui sulle suole italiane si sta profilando una situazione piena di nubi e incognite. Le notizie che si accavallano in questi giorni ci danno l’impressione di essere di fronte a un bollettino di guerra. Aumento dei casi di contagi a parte, dilagano proteste per la mancanza di spazi e classi pollaio e la mancanza di insegnanti.

Soprattutto sembrano moltiplicarsi i casi di occupazione degli istituti, in particolare nella capitale.

A preoccupare ora è l’andamento della pandemia. Il problema che si sta riscontrando è la difficoltà nell’applicazione delle nuove disposizioni. Ora la Dad è prevista in caso di più di uno studente positivo.

In pratica invece succede che la sospensione della didattica in presenza continui a scattare anche se soltanto uno studente ha contratto il Covid. Il problema è che raramente gli altri studenti sono chiamati per sottoporsi al tampone, come prevederebbe la prassi.

Il ricorso alla didattica a distanza resta quindi l’unica soluzione per non perdere settimane di studio, Come abbiamo ribadito più volte durante il lock down, invece che criticare il ricorso alla Dad sarebbe molto più utile continuare al potenziamento degli strumenti a disposizione di scuole e famiglie. Ad apprezzare la Dad è lo scrittore Erri De Luca, che scrive:

“Seguire le lezioni a distanza ha aperto vantaggi e risparmi preziosi per chi ha poco da risparmiare”.

Lo scrittore non ha mancato di indicare un problema concreto da affrontare, nel caso delle famiglie con più figli. Se si ritrovano a dover seguire le lezioni online due figli, occorrono due computer e non tutte le famiglie ne sono provviste.

Farsi venire qualche idea per permettere alle famiglie di poter usufruire di un computer in più dovrebbe essere uno degli obiettivi di ogni scuola. Basterebbe coinvolgere le ditte che continuamente cambiano la propria dotazione, per fare in modo che, invece di finire in magazzino o al macero, tanti computer possano essere regalati ai meno fortunati.

Continuare a formare gli insegnanti è l’altra grande esigenza, con la quale, se continua così, dovremo fare i conti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...