LA SCUOLA PUO’ ASPETTARE

L’istituzione di hub vaccinali nelle scuole “non è una soluzione impensabile”, ha spiegato ieri testualmente il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi.

Insomma c’è proprio da stare tranquilli: dopo due anni di emergenza covid e mesi e mesi in cui si parla della questione dei vaccini in rapporto alla scuola, il ministro ci viene candidamente a dire che, rispetto a una questione così importante, si tratta ancora di decidere se pensarci su o meno.

Figuriamoci allora quando arriverà la decisione e la sua (eventuale) successiva realizzazione concreta: se tutto va bene quando l’anno scolastico sarà finito e magari la pandemia scomparsa.

Cercheremo di evitare nuove critiche al ministero dell’istruzione, anche perché ci sembra davvero che sia come sparare sulla croce rossa.

Ma diciamolo: non è per niente rassicurante aprire i giornali e, invece di leggere di soluzioni e provvedimenti concreti, trovarsi di fronte a dimostrazioni di incertezza e di una politica che continua a navigare a vista.

A rendere amaro il quadro, è la costatazione che sulla scuola sembra proprio che incomba in generale un clima ovattato e rallentato. Un’altra prova?

Oggi 14 gennaio sarebbe giornata di sciopero degli studenti. Qualcuno se ne è accorto? E’ stato promosso all’improvviso, evidentemente sulla scia dell’esempio francese. Fino a tarda mattinata è stato arduo capire come è andata l’adesione, perché nemmeno l’ombra di notizie anche sui siti dei sindacati.

Al di là di come la si pensi sullo sciopero, una motivazione così seria, ossia l’incertezza che caratterizza la gestione dell’emergenza sanitaria, crediamo che avrebbe dovuto meritare diciamo un maggiore sprint, un impegno maggiore.

Invece non ci sono più nemmeno gli scioperi di una volta.

Se non ci si arrabbia neanche per un rientro sui banchi farlocco, figuriamoci se i capoccioni abbiano motivo di preoccuparsi per un’azione portata avanti all’insegna dell’improvvisazione e della mancanza di programmazione. Evidentemente i problemi della scuola possono aspettare.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...