SEGNALAZIONI DEI CONTAGI,LA ASL AI PRESIDI: “NON SCATENATEVI”

Cari presidi siete avvertiti: non scatenatevi.

Dunque immaginate di essere un preside. Avete appena passato una settimana piena di problemi di ogni tipo da risolvere e vi apprestate ad affrontare un’altra giornatina all’insegna dell’emergenza sanitaria. Aprite le mail e la prima comunicazione che compare è «Non vi scatenate».

Controllate e ricontrollate l’indirizzo e non ci sono dubbi. Il mittente è l’Azienda sanitaria locale. Se singolare è l’esortazione a non scatenarvi, – e, detto per inciso, sai che voglia di farlo, con tutte le beghe da sbrigare – il contenuto può lasciare ancora più perplessi. L’invito, infatti, è a non affrettarsi a inviare segnalazioni di studenti o insegnanti positivi, causa intasamento nella lavorazione dell’arretrato. Dulcis in fundo, ecco la simpatica conclusione della missiva: «Scusate l’ironia… ce la faremo».

A proposito all’ironia, parolina che però ci sembra proprio fuori posto, verrebbe da dire che, se non ci fosse da piangere, ci sarebbe da ridere.

La considerazione da fare è, invece, che evidentemente mesi e mesi di emergenza sanitaria si stanno facendo sentire. Diciamo comunque che, finché lo stress e le tensioni trovano un simile sfogo, tutto sommato non c’è da preoccuparsi. Però diciamolo: i versi non son belli.

Il problema resta che, ancora una volta, la scuola fa notizia ma non per questioni legate alla didattica. Questo è il punto evidenziato dai presidi: «Nessuno riesce più ad occuparsi di cosa si fa a scuola.

– si lamenta Mario Rusconi, dirigente dell’Associazione nazionale presidi del Lazio –

Siamo tutti occupati a vagliare i casi di contagio, contatto con positivo, quarantena, tamponi: nessuno ha più il tempo di occuparsi della didattica». Il presidente dell’Associazione presidi nazionale, Antonello Giannelli, rincara la dose: «I dirigenti e i loro collaboratori non riescono più a occuparsi di questioni scolastiche ma esclusivamente di problemi sanitari e parasanitari. In un momento in cui sempre più alunni e studenti, colpiti dalla pandemia, avrebbero bisogno di particolari attenzione e cure».

Si consolino Rusconi e Giannelli: anche le Asl non riescono a occuparsi di tamponi. Quindi meglio prendere tutto con filosofia, e prepararsi a chissà quali altre stravaganti comunicazioni.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...