ISCRIZIONI A SCUOLA: UNA SCADENZA IMPOSSIBILE

E dacci oggi il nostro cruccio quotidiano. E quello di oggi per la scuola è da panico, sia per i genitori, che per i poveri addetti alla segreteria.

Scade infatti precisamente alle 20 il termine ultimo per la presentazione delle domande di iscrizione al primo anno della primaria e secondaria. Ai ritardatari che oggi saranno alle prese con tale incombenza dedichiamo con tutto il cuore un bel buona fortuna.

La domanda può essere formalizzata tramite il sistema predisposto sul portale del Ministero dell’Istruzione, che non è precisamente la piattaforma più semplice e snella di questo mondo.

Trattasi di tutt’altro: un sistema rognoso, che non di rado rende cervellotico e complicato riuscire a concludere l’impresa. A farne le spese è anche il personale delle segreterie delle scuole, in molti casi presi d’assalto dai malcapitati che non riescono a completare l’iscrizione e che quindi si rivolgono alle segreterie per chiedere lumi e ottenere qualche dritta per averla vinta sul sistema.

Per non parlare poi dei privatisti, che devono comunque iscriversi alle scuole dove sosterranno l’esame: completare le procedure per le selezioni per fare l’astronauta deve essere sicuramente meno complicato.

Quello che fa arrabbiare è che la soluzione sarebbe molto semplice. Non ci riferiamo alla messa a punto di un sistema più accessibile. Figuriamo se perderemmo del tempo a sperare in così tanto.

Ci accontenteremmo che venisse accolta la proposta avanzata ieri dalla Cgil: prorogare di qualche giorno il termine. Nella lettera inviata al Miur il segretario generale Francesco Sinopoli ricorda che, a causa dell’emergenza sanitaria, per tante famiglie è stato impossibile ottenere dalle segreterie le varie informazioni.

Si sottolinea che per gli alunni della scuola dell’infanzia la modalità di iscrizione resta cartacea e ostinarsi a mantenere in piena pandemia tale scadenza è una scelta incomprensibile.

I casi per i dirigenti del Miur sono due: o accogliere la sacrosanta proposta del sindacato di spostare il termine al 4 febbraio o munirsi di corna e strumenti affini per scongiuri vari.

Si deve mettere in conto che qualche accidente, quando si è davanti al computer e non se ne cava le mani, può sempre sfuggire. Chi oggi deve iscrivere i propri figli si munisca invece di portafortuna.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...