NORME COVID: PER LA SCUOLA E’ ANCORA INCERTEZZA CONTINUA

L’unica cosa sicura è che cambieranno ancora una volta le disposizioni per la scuola in materia di emergenza sanitaria. Ma non chiedeteci ad oggi come e quando, perché, in mezzo alla ridda di notizie e indiscrezioni, chi ci si raccapezza solo un po’ è bravo.

In base alle indiscrezioni sembra che le scuole potranno ricevere mascherine FPP2 in forma gratuita. E’ curioso che per ottenerle gli istituti dovranno avanzare una dichiarazione attestante la “effettiva necessità”.

Ma al Ministero non li leggono i giornali, dove ormai a tenere banco è l’esplosione dei casi di contagio? Non si tratta dell’unica perplessità che emerge di fronte alle ipotesi delle nuove norme. La vera novità è che, una volta guariti, gli studenti positivi potranno rientrare in classe, come riporta orizzontescuola.it,

“dopo l’avvenuta guarigione, senza la necessità di effettuare un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo, basta solo il controllo del green pass e l’obbligo di indossare la mascherina per dieci giorni”.

Domanda: ma senza test come si fa a sapere se si è guariti? Si farà passare un tot di giorni a occhio?

PROROGA ISCRIZIONE A SCUOLA

In attesa dell’emanazione dell’apposito decreto prevista per metà settimana, intanto ecco però una buona notizia: è ufficiale la proroga, richiesta dai sindacati, del termine ultimo per l’iscrizione al primo anno. Per adempiere alla procedura si avrà tempo fino al 4 febbraio.

Questo per la felicità di quanti se l’erano vista proprio brutta nel riuscire a districarsi in tempo in un’impresa non proprio semplicissima. Non si capisce perché si sia atteso l’ultimo momento per una proroga indispensabile ma tutto è bene quello che finisce bene.

CAOS NORME CONTINUO

In verità è difficile farsi una regione di come sia possibile che, a mesi dall’apertura delle scuole, ancora non si sappia quali procedure debbano essere previste per quarantene e tamponi.

Un aggiornamento periodico delle disposizioni sarebbe normale ma, dal suono della prima campanella, è stato un continuo mutare di norme e procedure. Una situazione che ha creato un’inutile disorientamento e che continua ad assorbire energie, che potevano invece essere indirizzate nella gestione delle tante problematiche delle scuole.

I poveri dirigenti scolastici hanno ormai capito che dovranno rassegnarsi a questo stato di perenne caos. Con questa altra certezza la scuola italiana si appresta a iniziare una nuova settimana di un altro anno vissuto pericolosamente.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...