SCUOLA, LE SCELTE DELLA DISCORDIA

I partecipanti fortunati al concorso ordinario della scuola secondaria conoscono da oggi le date delle prove d’esame. Per gli sfortunati la speranza è che ci si ricordi della loro classe di concorso quanto prima.

La bella notizia è infatti che è finalmente la data di inizio delle selezioni, che prenderanno il via il 14 marzo. La brutta notizia, che ha mandato di traverso il caffè a molti, è che nel decreto ci si è dimenticati di una bella fetta di classi di concorso.

LE CLASSI SCOMPARSE

Cosa è successo? Semplicemente nel calendario con le date non risultano pervenute le classi A008, A009, A018, A024, A046, A050, A057, B011, B023.

Arrivate le prime richieste di spiegazioni, il Ministero è corso ai ripari, comunicando che le date relative compariranno in Gazzetta nei prossimi giorni. Come si può immaginare, gli sfortunati non l’hanno presa comunque benissimo. Ma non abbiamo dubbi che si ricorrerà ai ripari.

PROVE INVALSI DELLA DISCORDIA

Ci si stà dividendo in favorevoli e contrari in merito alla novità prospettata per l’accesso alle facoltà a numero chiuso. Per le selezioni è stata annunciata infatti l’introduzione delle prove INVALSI. Non contenti delle polemiche che hanno accompagnato l’introduzione di tali prove nella scuola, evidentemente si è pensato di fare il bis con l’università. A esprimere contrarietà verso tale ipotesi è per esempio la Flc-Cgil.

Cristiano Corsini, pedagogista e docente presso l’Università di Roma Tre, per il quale la valutazione del livello di apprendimento è “estremamente imprecisa e scarsamente affidabile”.

Corsini è netto:

“il rischio è che la responsabilizzazione dei singoli attraverso i test continui a coprire le responsabilità di una politica scolastica che non accetta di sottoporre alla prova dell’esperienza le proprie scelte. All’INVALSI va affidata con coraggio la valutazione di sistema, non la compilazione di pagelle di scuole, docenti, studentesse e studenti”.

Evidentemente se non si inventano novità che creano critiche e divisioni non si è contenti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...