SCUOLA, LE SCELTE DELLA DISCORDIA

I partecipanti fortunati al concorso ordinario della scuola secondaria conoscono da oggi le date delle prove d’esame. Per gli sfortunati la speranza è che ci si ricordi della loro classe di concorso quanto prima.

La bella notizia è infatti che è finalmente la data di inizio delle selezioni, che prenderanno il via il 14 marzo. La brutta notizia, che ha mandato di traverso il caffè a molti, è che nel decreto ci si è dimenticati di una bella fetta di classi di concorso.

LE CLASSI SCOMPARSE

Cosa è successo? Semplicemente nel calendario con le date non risultano pervenute le classi A008, A009, A018, A024, A046, A050, A057, B011, B023.

Arrivate le prime richieste di spiegazioni, il Ministero è corso ai ripari, comunicando che le date relative compariranno in Gazzetta nei prossimi giorni. Come si può immaginare, gli sfortunati non l’hanno presa comunque benissimo. Ma non abbiamo dubbi che si ricorrerà ai ripari.

PROVE INVALSI DELLA DISCORDIA

Ci si stà dividendo in favorevoli e contrari in merito alla novità prospettata per l’accesso alle facoltà a numero chiuso. Per le selezioni è stata annunciata infatti l’introduzione delle prove INVALSI. Non contenti delle polemiche che hanno accompagnato l’introduzione di tali prove nella scuola, evidentemente si è pensato di fare il bis con l’università. A esprimere contrarietà verso tale ipotesi è per esempio la Flc-Cgil.

Cristiano Corsini, pedagogista e docente presso l’Università di Roma Tre, per il quale la valutazione del livello di apprendimento è “estremamente imprecisa e scarsamente affidabile”.

Corsini è netto:

“il rischio è che la responsabilizzazione dei singoli attraverso i test continui a coprire le responsabilità di una politica scolastica che non accetta di sottoporre alla prova dell’esperienza le proprie scelte. All’INVALSI va affidata con coraggio la valutazione di sistema, non la compilazione di pagelle di scuole, docenti, studentesse e studenti”.

Evidentemente se non si inventano novità che creano critiche e divisioni non si è contenti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...