LA RICHIESTA DEGLI STUDENTI: PSICOLOGO PER TUTTI

Gli studenti italiani sull’orlo di una crisi di nervi. Stress da interrogazione, ansia prima degli esami, complesso da prestazione andata male quando vengo presi brutti voti: questo il quadro emerso da un sondaggio promosso su un campione di migliaia di studenti.

Ed oggi sit-in sotto il ministero, per protestare contro una scuola che provocherebbe sempre più problemi di ordine psicologico.

MOBILITAZIONE IN TUTTA ITALIA

Sempre oggi sono previste mobilitazioni e flash mob in tutta la penisola. A spiegare i motivi della protesta è Luca Redolfi, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti, per il quale “la scuola deve ripensarsi” e spiega:

“al di là della pandemia il modello scolastico attuale provoca ansia e stress anche nelle situazioni di normalità. Del resto già i dati Ocse del 2017 già segnalavano la scuola italiana tra le più stressanti d’Europa”.

ACCESSO ALL’ASSISTENZA DELLO PSICOLOGO

Uno dei punti dolenti della scuola è individuato nella poca attenzione dei docenti verso il malessere psicologico. Il 90% dei ragazzi hanno confermato la presenza dello psicologo nella propria scuola, ma solo il 12% ne ha usufruito.

Un ostacolo viene individuato sulla obbligatorietà di ottenere l’autorizzare dai genitori per accedere al servizio e quindi ecco la proposta: abolire questo passaggio per rendere liberi i ragazzi di rivolgersi allo psicologo senza che i genitori ne vengano a conoscenza.

Nel mirino restano le interrogazioni e i compiti in classe, di cui si chiede l’abolizione. Vista la nuova richiesta, possiamo coniare un nuovo sloga; sei politico e psicologo per tutti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

TUTOR SCOLASTICI: POCHE DOMANDE E MOLTE PROTESTE

TUTOR SCOLASTICI: POCHE DOMANDE E MOLTE PROTESTE

Concorso straordinario 2023 classi di concorso É passato ormai più di un mese e mezzo dall’annuncio del Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM). Eppure del bando del Concorso straordinario ter 2023 ancora nessuna traccia.  E questo nonostante il Ministro Giuseppe...

LA PROPOSTA: UN MASTER PER L’INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA

LA PROPOSTA: UN MASTER PER L’INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA

Potenziare l’insegnamento della matematica attraverso la promozione di un master per la preparazione dei docenti precari. E’ la proposta avanzata nel corso del convegno organizzato dalla fondazione “I Lincei per la Scuola” tenutosi nei giorni scorsi. L’INSEGNAMENTO...

TUTOR SCOLASTICI: POCHE DOMANDE E MOLTE PROTESTE

TUTOR SCOLASTICI: POCHE DOMANDE E MOLTE PROTESTE

E’ stata prorogata dal 2 al 31 maggio la scadenza per la presentazione delle domande per diventare tutor. Il motivo è presto detto: la presentazione delle candidature sta procedendo molto a rilento e il numero delle procedure portate a termine è inferiore alle...

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

L’integrazione scolastica è uno dei pilastri del sistema educativo italiano e il nostro Paese è sempre stato in prima linea in questo ambito. Ancora una volta, lo dimostra affrontando la questione dei Bisogni Educativi Speciali (BES). Infatti, il...