IL CONCORSO DEI QUESITI ERRATI

Domande incomprensibili o risposte errate al Concorso ordinario della scuola secondaria. Questa la magagna venuta fuori in questi giorni, su cui stanno ora puntando i riflettori i sindacati.

Non bastasse la difficoltà sovrumana dei quesiti, ecco che è venuta fuori la verità su tanti test che hanno mandato in tilt i poveri aspiranti docenti. Si, in diversi casi tutte le risposte possibili, tra le quali si trattava di scegliere quella corretta, sono risultate indiscutibilmente sbagliate.

Hai voglia a cercare di azzeccare quella giusta! Provate allora a mettervi nei panni di un candidato già alle prese con prove da geni tipo Pico della Mirandola e che per di più si ritrova a dover spuntare la risposta giusta, quando invece quella giusta semplicemente non c’è.

Aggiungete la clessidra che inesorabilmente segna il tempo volgere verso la fine e capite bene come il livello di stress possa raggiungere la soglia di guardia.

Per quanto possa apparire incredibile, nessun dubbio sul fondamento della questione: la Cgil ha riportato nero su bianco alcune delle domande della vergogna. I più sfortunati sono i candidati delle prove relative alle classi di concorso A 60 e A 25.

Ma siccome i quesiti errati si stanno dimostrando simili alle ciliegie, delle quali il detto dice che una tira l’altra, l’elenco sembra allungarsi di ora in ora. Il sindacato invita pertanto tutti i candidati a inviare le segnalazioni al Ministero. Intanto viene promessa battaglia e il tema sarà al centro dell’assemblea del 7 aprile indetta proprio sul concorso.

Da qui al 7 aprile la serie degli errori si sarà sicuramente allungata. Il lato positivo è che tanti candidati potranno ricredersi sul livello della propria preparazione: da bocciare è solo chi ha ideato quesiti assurdi. L’arrabbiatura invece non solo resta ma è diventata anche maggiore.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...