L’ULTIMO REGALO DELLA BUROCRAZIA DEL LAZIO: UN CERTIFICATO MEDICO PER LA DAD

Certificazione medica di abilità per la didattica a distanza. Questa l’ultima incredibile trovata che sta esasperando famiglie e dirigenti scolastici del Lazio.

Che l’Italia sia destinata a restare la patria della burocrazia e delle procedure super complicate ormai lo sappiamo. Se neppure l’emergenza Covid è servita a fare un salto verso la semplificazione, le speranze che cambi qualcosa sono davvero poche.

Ma ci sono eccessi che riescono ancora a stupire, come la pazza idea della Regione Lazione di andare a introdurre con tanto di circolare la necessità del nulla osta del medico per seguire le lezioni a distanza.

Un’attestazione richiesta per ragazzi che magari passano ore a giocare ai videogame e sono cresciuti a pane e social. E aggiungiamo che se i ragazzi potessero sviluppare patologie stando connessi all’aula virtuale allora è da quel dì che l’intero paese sarebbe stato investito da un’altra epidemia.

Ai tempi del lockdown infatti sono stati in Dad tutti i milioni di studenti italiani per la bellezza di interi mesi. Non risultano pervenuti feriti né contusi.

Il bello è che oltre che assurdo il provvedimento sta risultando inutile. Nella maggior parte dei casi il certificato arriva quando gli studenti non sono più positivi e possono tornare in classe.

Comunque dei risultati ci sono e li elenchiamo di seguito:

  1. gli studenti perdono tutte le lezioni (cosa per la quale sia chiaro nessuno si mette a piangere ma, visti i tempi, sarebbe meglio evitare).
  2. il personale della scuola ha una bega in più da sbrogliare, per di più spesso inutilmente.
  3. i medici sono inferociti, perché con tutte le emergenze da affrontare in piena pandemia non fa piacere vedere in coda ragazzi ai quali devono certificare che sono idonei alla Dad.
PS:

Anche i genitori non la stanno prendendo bene. Ma in Regione non avevano altro a cui pensare?

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...