PUNTUALE ECCO IL RICORSO AL CONCORSO

Che concorso sarebbe senza il ricorso? Non sarebbe la solita cara vecchia Italia, dove la norma è che non si muove foglia senza proteste, polemiche e, appunto, ricorsi al Tar e chi più ne ha più ne metta.

Figuriamoci se un concorsaccio come quello che finirà per aver fatto arrabbiare mezzo milione di aspiranti docenti poteva scampare alla regola.

E infatti in questo caso trattasi di un bel ricorso collettivo. Questa è la strada annunciata dal Codacons della Puglia, in prima linea nel denunciare le magagne di un concorso “impossibile” per difficoltà dei test e le tante domande errate.

Intanto continua la mobilitazione dei sindacati.

“Le crocette non vanno bene per nessun tipo di selezione, tanto meno per insegnare”

– spiega Ivana Barbacci, segretaria di Cisl scuola –

“Non si selezionano così le persone per una professione così complessa. Noi abbiamo sempre stigmatizzato le crocette, purtroppo il legislatore, attraverso un concorso lampo, voleva dimostrare che si sarebbero selezionati i migliori. Ma una professione tanto delicata richiede una selezione adeguata. Peraltro parliamo di colleghi laureati”.

La presenza accertata di quesiti sbagliati apre la strada all’accoglimento dei ricorsi. I precedenti ci dicono che la giurisprudenza ha affermato come, affinché il meccanismo di selezione possa essere considerato efficace, debba essere esente da vizi.

Insomma non ci devono essere dubbi su “certezza ed univocità della soluzione”. Non è certo questo il caso del concorso in questione: se hanno dovuto arrendersi geni che andranno a insegnare ingegneria o fisica, di certezza c’è solo che superare i test è una “mission impossible”.

E che ai contribuenti la cosa tanto per cambiare potrebbe costare cara.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...