IPAD OBBLIGATORIO IN CLASSE

iPad obbligatorio in classe. E a chi la cosa non piace, si legge nella circolare diramata nei giorni scorsi, l’invito è a cambiare scuola.

E’ un segno dei tempi la decisione presa dai dirigenti dell’istituto “Mazzini Modugno” di Bari e ancora più emblematiche sono le motivazioni alla base del provvedimento.

“Noi abbiamo un curriculum digitale dal 2015/16. – spiega la dirigente dell’istituto – La pandemia ha contribuito ad accrescere l’uso della tecnologia e da tempo, confrontando il sistema Android con Apple, abbiamo preso la decisione di usare quest’ultimo, perché risponde meglio alle esigenze dei docenti e va incontro ad una didattica utile per gli alunni”.

Quest’ultimo è il punto che ci interessa evidenziare. Cioè il riconoscimento dell’efficacia della modalità di studio attraverso gli strumenti digitali.

Il provvedimento ha provocato, come comprensibile, delle polemiche. Non tutti i genitori, infatti, hanno preso bene la decisione.

Le critiche riguardano però l’acquisizione obbligatoria dell’iPad e non viene messa in discussione la validità dello studio attraverso i dispositivi digitali.

A tale riguardo ci sembra doveroso precisare che l’istituto provvederà a fornire l’iPad in comodato d’uso agli studenti di famiglie con reddito basso. Sul fatto che il materiale delle lezioni e le esercitazioni siano erogate su un dispositivo digitale invece nessuno ha nulla da ridire. Dopo la pandemia, la didattica a distanza ha in effetti sdoganato definitivamente la nuova modalità di studio.

Prova ne è che sempre più diplomati si rivolgono alle università telematiche, eCampus in testa. La dirigente dell’istituto al riguardo ha le idee chiare: “in Italia serva un po’ forzare la mano sull’innovazione digitale: non possiamo dirci 2.0 perché inviamo i compiti via WhatsApp. Noi usiamo l’iPad nella didattica quotidiana”.

E pensare che fino a ieri c’era chi criticava i difensori della didattica integrata che, sia chiaro, resta la soluzione migliore per la preparazione e la crescita dei ragazzi.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...