IPAD OBBLIGATORIO IN CLASSE

iPad obbligatorio in classe. E a chi la cosa non piace, si legge nella circolare diramata nei giorni scorsi, l’invito è a cambiare scuola.

E’ un segno dei tempi la decisione presa dai dirigenti dell’istituto “Mazzini Modugno” di Bari e ancora più emblematiche sono le motivazioni alla base del provvedimento.

“Noi abbiamo un curriculum digitale dal 2015/16. – spiega la dirigente dell’istituto – La pandemia ha contribuito ad accrescere l’uso della tecnologia e da tempo, confrontando il sistema Android con Apple, abbiamo preso la decisione di usare quest’ultimo, perché risponde meglio alle esigenze dei docenti e va incontro ad una didattica utile per gli alunni”.

Quest’ultimo è il punto che ci interessa evidenziare. Cioè il riconoscimento dell’efficacia della modalità di studio attraverso gli strumenti digitali.

Il provvedimento ha provocato, come comprensibile, delle polemiche. Non tutti i genitori, infatti, hanno preso bene la decisione.

Le critiche riguardano però l’acquisizione obbligatoria dell’iPad e non viene messa in discussione la validità dello studio attraverso i dispositivi digitali.

A tale riguardo ci sembra doveroso precisare che l’istituto provvederà a fornire l’iPad in comodato d’uso agli studenti di famiglie con reddito basso. Sul fatto che il materiale delle lezioni e le esercitazioni siano erogate su un dispositivo digitale invece nessuno ha nulla da ridire. Dopo la pandemia, la didattica a distanza ha in effetti sdoganato definitivamente la nuova modalità di studio.

Prova ne è che sempre più diplomati si rivolgono alle università telematiche, eCampus in testa. La dirigente dell’istituto al riguardo ha le idee chiare: “in Italia serva un po’ forzare la mano sull’innovazione digitale: non possiamo dirci 2.0 perché inviamo i compiti via WhatsApp. Noi usiamo l’iPad nella didattica quotidiana”.

E pensare che fino a ieri c’era chi criticava i difensori della didattica integrata che, sia chiaro, resta la soluzione migliore per la preparazione e la crescita dei ragazzi.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...