La musica a scuola

Fare musica è importante. Psicologi dell’età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell’affermare che un’attività musicale ben strutturata possa contribuire in maniera sostanziale allo sviluppo armonico e globale del bambino.

La musica è un potentissimo strumento di aggregazione: consente ai bambini e ai ragazzi di ogni età di conoscere, sperimentando e supportando le proprie capacità creative.

Favorire lo sviluppo del senso ritmico nei bambini può portare enormi benefici sia nella creazione di un clima positivo in classe, sia per migliorare l’apprendimento.

La musica è un linguaggio che, se introdotto in aula, al di là della tradizionale lezione di educazione musicale, può portare molti vantaggi per gli alunni e gli studenti di tutti i gradi di scuola:

  • la musica crea coesione di gruppo;
  • la musica stimola le funzioni cognitive;
  • la musica aiuta a promuovere la creatività e ad accrescere l’espressività corporea;
  • la musica crea legami e favorisce la socializzazione.

La musica unisce

Partendo dall’osservazione dei singoli elementi che compongono il gruppo, esercitandosi nell’ascolto, nell’empatia e nel coinvolgimento di tutti, la musica può aiutare a stimolare la consapevolezza di sé stessi e la creatività di ognuno.

Inoltre, dobbiamo considerare che coinvolgere i bambini in attività pratiche come la costruzione di uno strumento musicale, utilizzando materiali riciclati, rappresenta un approccio innovativo per:

  • il lavoro cooperativo
  • per la sensibilizzazione sulla sostenibilità
  • per il rispetto dell’ambiente.

La Musica è incontro con l’altro, lavoro di gruppo, senso di squadra.

Musica è un linguaggio in trasformazione nello spazio e nel tempo.

La Musica è cultura e intercultura.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...