Università, ecco con quali lauree si trova prima lavoro

Secondo il rapporto Almalaurea medici, farmacisti, laureati in informatica e ingegneri sono quelli che hanno più possibilità di essere assunti a un anno dalla fine del ciclo universitario

Chi trova più facilmente lavoro dopo la laurea?

Secondo il XXIV rapporto di Almalaurea presentato all’università di Bologna Alma Mater Studiorum sono medici, farmacisti, laureati in informatica e ingegneri.

Le statistiche sulle assunzioni confermano che vengono assunti a un anno dalla fine del ciclo universitario.

Buone prospettive anche per i laureati in economia. Sopra il 90 per cento di occupati a 5 anni dal conseguimento del titolo e poco sopra l’80% i laureati in materie letterarie, psicologia e giurisprudenza.

I laureati italiani sono soddisfatti dell’esperienza universitaria, meno delle prime esperienze lavorative.

Se è vero infatti che aumentano gli occupati, a un anno dal conseguimento del titolo la forma contrattuale più diffusa resta il contratto a tempo determinato.

Gli indicatori fanno emergere una valutazione positiva dell’università:

  • con l’88,8% dei laureati che si dichiara soddisfatto per il rapporto con i docenti
  • 72,9% che confermerebbe la scelta compiuta sia di corso sia di ateneo.

Nell’ultimo anno accademico (2021/22) si è rilevato un calo delle immatricolazioni (-3% rispetto al 2020/21), più forte negli atenei del mezzogiorno (-5%) .

Il peso di una Laurea sarà ancora più importante per il mondo del lavoro negli anni futuri. Conoscendo quali sono le lauree più richieste e le lauree più pagate, dunque, si potrà scegliere il percorso prediletto selezionando la migliore Università Telematica, tra le 11 Università Online riconosciute dal Miur.

Tutti gli Atenei Online, infatti, rilasciano un titolo perfettamente riconosciuto e, al loro interno, tutte le facoltà sono facoltà a numero aperto.

Inoltre, ricordiamo che iscrivendosi ad un percorso telematico si potrà usufruire di tutti i vantaggi connessi alla Laurea Online e al metodo e-learning, che permette di studiare quando, dove e come vuoi, senza perdersi neanche una lezione, seguendo direttamente da casa senza frequentare.

Nel nostro sito Noi della Scuola puoi trovare un ampio ventaglio di percorsi così da poter fare la giusta scelta per il tuo futuro:

Dottoressa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...