DSGA: di cosa si occupa a scuola e come diventarlo

“Incontriamoci per una scuola di valore”

Giunge a conclusione la quattro giorni dell’evento “Incontriamoci per una scuola di valore”, convegno di formazione e aggiornamento professionale dedicato ai Direttori dei servizi generali e amministrativi di tutta Italia e più in generale all’intero mondo della scuola.

Specificarlo è quasi scontato: DSGA è ovviamente un acronimo, il quale sta per “Direttore dei servizi generali e amministrativi”.

Si tratta, dunque, di una figura dirigenziale, abbastanza complessa e di gran responsabilità.

Per tale ragione, spesso il DSGA viene confuso con il Dirigente scolastico.

Eppure, il Direttore dei servizi generali e amministrativi non ha nulla a che vedere col Dirigente scolastico.

Il DSGA fa infatti parte del personale ATA; personale del quale il DSGA rappresenta il coordinatore.

Infatti, il DSGA si preoccupa di garantire il corretto svolgimento di ogni compito amministrativo e di livello tecnico. Deve garantire il corretto funzionamento dell’istituzione, così come anche la coordinazione delle varie figure che fanno parte del personale ATA.

Tra i compiti che spettano al DSGA abbiamo infatti:

  • il coordinamento del personale ATA, oltre che la verifica degli obiettivi prestabiliti;
  • la promozione di incarichi e mansioni atti a garantire il normale svolgimento dei servizi scolastici di contabilità e amministrazione;
  • l’organizzazione di tutte le attività richieste dal Dirigente scolastico.

Insomma, il DSGA dirige e coordina il personale ATA, sulla base delle richieste del Dirigente scolastico. Ha la facoltà di assegnare incarichi e obiettivi, al fine di organizzare al meglio le attività tecniche e amministrative necessarie all’interno dell’istituto.

Si tratta di una figura dotata di una certa autonomia, cui spesso vengono anche affidati compiti formativi e tutoriali. Qualora, infatti, sia necessaria una qualsiasi formazione per il personale ATA, sarà compito del DSGA occuparsene.

Questo perché tale figura dirigenziale ha proprio il compito di dirigere il personale tecnico, ausiliario e amministrativo dell’istituto presso il quale il DSGA stesso è impiegato.

Il DSGA è secondo solamente al Dirigente.

Per diventare DSGA, è necessario sostenere (e vincere) un regolare concorso, che si svolge ogni tre anni.

Il concorso, che di solito è su base regionale, tiene conto non soltanto dei titoli acquisiti, ma consiste anche in una prova d’esame.

per poter accedere al concorso per DSGA e per accedere alle prove selettive, bisogna possedere una laurea.

Purtroppo, un titolo triennale non basta: trattandosi di una figura di categoria D, infatti, è richiesta una laurea specialistica o magistrale.

Con Noi della Scuola puoi approfondire le tue competenze tramite il Master DSGA: MANAGEMENT DELLA SCUOLA: IL DSGA

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...