DIRETTORI AMMINISTRATIVI SCUOLA: DUEMILA POSTI VACANTI

Duemila posti di direttore amministrativo scoperti. Per la precisione 2018. Una cifra enorme, che contribuirà a rendere ancora più complicato l’avvio del nuovo anno scolastico.

Per rendersi conto della dimensione del problema, va considerato che si tratta del 25% del numero complessivo. In pratica un istituto su quattro si ritroverà senza questa importante figura.

Come sottolineano i sindacati, a complicare la situazione è che l’Amministrazione scolastica non può procedere al reclutamento, non essendo previsto alcun concorso.

La situazione si sta protraendo da anni e la soluzione adottata è sempre di più la solita: coprire l’incarico attraverso figure professionali inferiori, come quella degli assistenti amministrativi. Per la Uil Scuola si tratta di una forma di precariato non più accettabile:

SINDACATI DENUNCIANO LA SITUAZIONE DI PRECARIETA’

“Questo è uno dei casi in cui le regole della giurisprudenza europea, che limita la precarietà a 36 mesi, vengono sistematicamente ignorate. – si legge nel documento diffuso nei giorni scorsi – Un autentico nodo gordiano che, dal 2009, nega il diritto a stabilizzare quanti, sul campo, hanno mostrato di saper svolgere la funzione e di saper far funzionare con regolarità i complessi meccanismi scolastici”.

La scuola continua in ogni caso a offrire buone prospettive di impiego. Un’occasione può essere rappresentata dal prossimo concorso, con il quale dovrebbero essere coperti anche i posti vacanti di Direttori amministrativi. Ma lo stesso vale per la figura di dirigente scolastico.

MASTER ECAMPUS PER DIRIGENTI SCOLASTICI

Più in generale un obiettivo è costituito dall’acquisizione delle competenze per dirigente scolastico. A questo fine un percorso interessante offerto da eCampus è il master IL RUOLO DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE.

Quale requisito di accesso è richiesta la Laurea magistrale o specialistica (titolo conseguito secondo l’ordinamento antecedente o successivo al D. M. 509/99).

Il piano di studio è relativo ai temi dell’autonomia, sicurezza, responsabilità, valutazione, leadership, rapporti istituzionali e innovazione.

Il corso è stato pensato per permettere di conseguire le conoscenze necessarie dopo l’entrata in vigore della riforma “La Buona Scuola”.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...