CARI, CARISSIMI LIBRI: L’AMARA SORPRESA DI SETTEMBRE

Il caro libri è in agguato.

E, salvo interventi risolutivi del Governo, a settembre il suono della campanella per i genitori sarà all’insegna dell’aumento da record del costo dei testi.

Non bastasse la salassata del costo del gas e della benzina, c’è anche questa voce a contribuire a svuotaree il portafoglio di chi ha bambini in età scolare. A determinare il rincaro è il caro carta, che sta arrivando a livelli da record.

A lanciare l’allarme è il presidente del Gruppo Educativo dell’Associazione Italiana Editori (Aie), Paolo Tartaglino, che spiega: “La crisi della carta ha un impatto importante su tutta l’editoria, in particolare su quella scolastica (…) È un impatto che riguarda non solo i costi, che abbiamo visto aumentare dal 50% fino addirittura all’80%, per la carta necessaria ai libri scolastici, ma anche le tempistiche di consegna e la reperibilità”.

CHIESTO L’INTERVENTO DEL GOVERNO

Gli stessi editori chiedono al Governo di intervenire, potenziando il fondo per la famiglia. Lo stanziamento è stato portato da 103 a 133 milioni di euro ma la cifra è oggi considerata insufficiente.

RICORRERE AI TESTI DIGITALI

Ma la soluzione è indicata anche nel ricorso ai testi digitali. Tale strada permetterebbe di scongiurare l’altro problema che sta preoccupando gli editori: il ritardo nella consegna della carta.

“Esiste il rischio di non ricevere in tempo la carta per alcuni volumi ad alta tiratura, – spiega ancora Tartarino – non possiamo prevedere oggi quali, ma è un rischio che appariva maggiore qualche settimana fa”.

Staremo a vedere se il Miur saprà affrontare la questione, anche rispetto alla possibilità di permettere l’impiego di testi digitali, perlomeno per quanto riguarda i contenuti integrativi.

Non si tratta infatti si sostituire interamente i libri su carta, ma di introdurre una percentuale di volumi in formato digitale per contenere i costi totali.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...