IL MIUR NON RISOLVE I PROBLEMI DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

Dirigenti scolastici: la passione continua. Una cosa ormai è certa, anzi due. La prima è che il nuovo anno scolastico ripartirà senza l’attivazione di nuove sedi.

La seconda è che il tanto atteso, sospirato concorso non è in programma in tempi brevi.

A comunicare che nell’anno scolastico 2022/2023 non saranno incrementati le sedi è stato lo stesso Miur. I sindacati si sono così visti dare uno schiaffo rispetto alle richieste di potenziamento dell’organico. E pensare che in base ai parametri introdotti con la Legge 234/2021 dovrebbero essere previste 400 sedi in più.

La reazione dei sindacati è ovviamente dura. L’accusa al Miur è di non tener conto dei sacrifici e degli impegni gravosi che i dirigenti scolastici stanno sostenendo da anni anche a causa dell’emergenza Covid e della questione della mobilità rimasta irrisolta.

“Non si può ignorare il fatto di avere in graduatoria oltre 500 vincitori di concorso e non poter garantire a tutti una sede, di fatto disponibile, ma affidarla in reggenza”,

spiega l’Udir, il sindacato di categoria.

L’altro capitolo amaro è quello del nuovo concorso. Nonostante le promesse se tutto andrà bene se ne parlerà a primavera.

Ma se per l’assegnazione delle sedi i vincitori dovranno aspettare anni è meglio mettersi l’anima in pace e sperare che il Covid non costringa a nuovi straordinari.

Direttore Dott. Alberto Barello

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...