SETTEMBRE MASCHERINE ADDIO?

A distanza di meno di un mese dalla riapertura delle scuole, mentre ancora non sono state diffuse delle linee guida sulle misure contro il Covid da parte del Ministero della Salute, a dare prime indicazioni operative a proposito, in una bozza, è stata la Conferenza delle Regioni.

Come si legge su Il Corriere della Sera la Conferenza delle Regioni ha iniziato ad elaborare in maniera ufficiosa un piano strategico da attuare contro il Covid a scuola per far sì che i governatori non si trovino impreparati. Questo piano si divide in un due “fasi”.

La prima e la seconda fase della strategia

In una fase, si può dire, di tranquillità a livello di andamento di contagi, ci si potrebbe comportare così:

se un alunno ha temperatura superiore a 37.5, sintomi compatibili col Covid o un tampone positivo, non può andare a scuola.

Chi invece ha sintomi

“respiratori di lieve entità e in buone condizioni generali”

e non ha febbre e che risulta negativo al test, può frequentare indossando le mascherine FFP2.

Quindi, se questo tipo di provvedimenti verranno effettivamente adottati, non si può parlare di un totale addio alle mascherine a scuola.

Molto probabilmente quest’ultimo caso si verificherà spesso, e quindi molti alunni potrebbero essere obbligati a indossare i dispositivi di protezione individuale in classe.

Nel caso in cui i contagi aumentassero in maniera esponenziale si passerebbe, secondo la bozza, alla seconda fase, più severa.

In questo caso verrebbe osservato il distanziamento di un metro, verranno privilegiate le attività all’aperto, si effettuerebbe la sanificazione periodica (settimanale) di tutti gli ambienti, e, se fosse necessario, si obbligherebbe all’utilizzo di mascherine chirurgiche per studenti e personale.

Altri punti chiave di questa strategia “strong” sono:

  • la concessione delle palestre e di altri locali scolastici a soggetti terzi è consentita solo se, tramite accordi scritti, siano regolati gli obblighi di pulizia approfondita e sanificazione, da non porre in carico al personale della scuola e da condurre obbligatoriamente a conclusione delle attività nel giorno di utilizzo;
  • la somministrazione dei pasti nei locali delle mense scolastiche con turnazione;
  • il consumo delle merende al banco.

Molti gli elementi di cui tener conto:

“Fattori determinanti sono rappresentati dall’intensità della circolazione virale, dalle caratteristiche delle varianti virali circolanti, dalle forme cliniche che esse possono determinare in età scolare e non, dalla copertura vaccinale anti COVID-19 e dal grado di protezione nei confronti delle infezioni, delle forme severe di malattia e dei decessi conferito dalle vaccinazioni e dalla protezione indotta dalle pregresse infezioni, dalla necessità di proteggere soggetti fragili a maggior rischio di malattia severa”

si legge nella bozza.

Attendiamo maggiori dettagli.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...