Esami di riparazione: No al Bignami

Arrivano TikTok e YouTube

Manca meno di un mese agli esami di riparazione per la scuola secondaria di secondo grado.

Per gli studenti che devono recuperare il debito si è aperta pure la stagione della ripresa dello studio, tenendo però sempre pronti, oltre ai libri, gli attrezzi per il mare.

E siccome la voglia di mare, con la lascivia dell’ozio, è sempre più rilevante rispetto alla fatica dello studio:

i ragazzi rimandati a settembre cercano di sbarcare le ore da dedicare ai libri con strumenti più efficaci possibili, più immediati, rapidi e che in qualche modo riescano pure a sostituire, non con lo stesso esito, le faticose letture estive.

E se un tempo c’era il mitico Bignami oggi il suo posto lo hanno preso i social con la ricerca di aiuti online, alternativi e soprattutto rapidi, per sciogliere i dubbi rimasti.

E infatti al primo posto nella consultazione per sciogliere dubbi e colmare lacune ecco l’oracolo internet, dove si trovano riassunti, appunti condivisi e lezioni sui punti più ostici da superare.

Secondo un sondaggio di ScuolaZoo, studiano su youtube il 20% degli studenti, il 6% in chat o sui forum e il 4% ascolta i podcast.

Gli influencer dello studio più rinomati sono:

  • Elia Bombardelli (YouTuber che spiega la matematica e ha circa mezzo milione di follower),
  • Nova Lectio (storia in chiave geopolitica, di Simone Guida),
  • Noccioline di ScuolaZoo (riassunti dispensati a circa 300.000 iscritti)
  • Daniele Coluzzi (professore di lettere e scrittore, rinomati i suoi video sull’Iliade, l’Odissea, i Miti Greci e la parafrasi).

Non mancano inoltre piattaforme che offrono ripetizioni online per il recupero dei debiti a prezzi scontati.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...