Scuole innovative, uscite dall’ombra

Ecco l’occasione per farvi conoscere

In occasione degli Stati Generali della Scuola Digitale, le scuole di tutta Italia sono invitate a mandare un video di 3 minuti per raccontare le loro sperimentazioni didattiche entro il 30 ottobre.

I progetti più interessanti saranno presentati in occasione della manifestazione che si svolgerà a Bergamo il 5-6 dicembre.

Se c’è una cosa che docenti e studenti hanno rivalutato «grazie» ai due anni di chiusure forzate causa Covid, è il valore della scuola in presenza, della scuola come comunità viva e in evoluzione, capace di sperimentare strade nuove.

Com’è successo con la Dad, che, da strumento di emergenza, con tutti i drammatici limiti del caso, è diventata col tempo anche mezzo di sperimentazione didattica, tanto più funzionale quanto più integrata con la didattica in presenza.

La scuola sta cambiando e si sta riorganizzando, tenendo in considerazione la pervasività delle tecnologie nella vita quotidiana dei giovani, l’importanza dell’immaterialità come nuovo ambiente di apprendimento e il benessere degli studenti.

Si elaborano, così, nuovi progetti per la governance della scuola, per la didattica, per il rapporto con gli studenti, per il ruolo dei docenti e delle famiglie, per i rapporti con il territorio.

Innovazione didattica: la parola alle scuole

Durante la prossima edizione degli Stati Generali della Scuola Digitale, le scuole potranno essere protagoniste, raccontando la loro esperienza, condividendo buone pratiche, parlando delle attività tanto innovative quanto sperimentali che stanno svolgendo in classe.

L’intento è quello di mettere in evidenza i progetti più innovativi, sulle seguenti tematiche:

1.nuova governance: strategie ed attuazione del cambiamento;

2.il digitale come supporto ad una didattica innovativa e/o emergente;

3.nuovi ambienti di apprendimento fisici e/o virtuali (immersivi e immateriali) per una didattica innovativa;

4.introduzione dell’intelligenza artificiale nella didattica;

5.la scuola digitale nel territorio;

6.nuovi contenuti per nuovi apprendimenti;

7.progettualità e metodologie;

8.nuovi arredi per nuovi progetti didattici;

9.la scuola 4.0: come affrontare il cambiamento;

10.le metodologie didattiche al servizio del protagonismo e del superamento delle criticità degli studenti;

11.nuove modalità di valutazione e di monitoraggio degli apprendimenti degli studenti;

Informazioni e requisiti per la presentazione dei progetti

Condizione indispensabile per la candidatura dei progetti didattici è che siano stati approvati a livello di Istituto (inseriti preferibilmente nel PTOF) e non attività di una singola classe o di un singolo consiglio di Classe.

Per partecipare alla selezione è necessario consegnare un video della durata massima di 3 minuti e una presentazione del progetto della lunghezza massima di 1000 parole.

I progetti possono essere inviati entro e non oltre il 30 Ottobre 2022, compilando il modulo online. 

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...