Allarme sindacati, anche quest’anno si viaggia verso 200mila supplenti

E’ partito da poco il nuovo anno scolastico senza obbligo di mascherine, distanziamento e vaccinazione.

Ma alcuni problemi rimangono sempre gli stessi, denunciano i sindacati della scuola.

A partire dalla carenza di docenti, stimata in circa 200 mila unità.

Cattedre che saranno riempite con altrettanti supplenti.

«Anche quest’anno scolastico prende l’avvio con molte incognite che hanno radici profonde: mi riferisco all’annoso problema del precariato; dobbiamo rilevare una carenza sulla copertura dei posti vacanti dei docenti, le cattedre in alcuni casi verranno coperte sotto al 50% rispetto alle disponibilità offerte dal ministero dell’Economia e bisognerà ricorrere a contratti a tempo determinato», ha detto Ivana Barbacci, a capo della Cisl Scuola.

Niente organico Covid

I sindacati lamentano poi la non prevista presenza, quest’anno scolastico, del cosiddetto organico Covid.

«Per due anni la scuola ha avuto un organico aggiuntivo prima di 80mila persone tra docenti e Ata, poi di 40mila, invece quest’anno sembrerebbe che non ce ne sia bisogno, ma non è così», lamenta Marcello Pacifico, leader dell’Anief.

Secondo alcuni calcoli all’appello – nonostante sette i concorsi avviati, di cui cinque portati a termine – mancano 200mila supplenze annuali.

«È sicuramente un anno che affrontiamo con maggiore positività rispetto agli ultimi anni trascorsi ma rimangono tanti problemi: mancano anche i dirigenti scolastici, i cui gli organici sono sottodimensionati per motivazioni economiche», ha affermato Cristina Costarelli, presidente dell’Anp Lazio.

La domanda è: quanti sono gli investimenti necessari alla scuola italiana e come raggiungere gli obiettivi che tutti i partiti hanno detto di voler ottenere?

Gaia Lupattelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...