Concorso DSGA, ci sarà una prova scritta, una prova orale e la valutazione dei titoli: cosa studiare

Il 3 ottobre scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 231 il Decreto Ministeriale 28 giugno 2022, n. 146, concernente il Regolamento del concorso per titoli ed esami per l’accesso al profilo professionale del Direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA).

I concorsi sono indetti su base regionale.

I candidati, a pena di esclusione, possono presentare la domanda per una sola regione.

Le procedure concorsuali si articolano in una prova scritta, in una prova orale e nella successiva valutazione dei titoli.

Siamo ancora in attesa di conoscere le tempistiche di inoltro delle domande e di svolgimento della procedura concorsuale, ma sappiamo già che ci sarà una prova scritta, una prova orale e la successiva valutazione dei titoli.

Prova scritta

La prova scritta, computer-based e unica per tutto il territorio nazionale, consiste nella risoluzione di 60 quesiti, con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta, volti a verificare la preparazione dei candidati sugli argomenti di cui all’allegato B.

Non è prevista la pubblicazione dei quesiti prima dello svolgimento della prova.

La durata complessiva della prova è pari a 120 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi previsti dalla normativa vigente, al termine dei quali il sistema interrompe la procedura e acquisisce definitivamente le risposte fornite dal candidato fino a quel momento.

I candidati che hanno superato la prova scritta sono ammessi a sostenere la prova orale.

Prova orale

La prova orale, volta ad accertare la preparazione professionale del candidato, consiste in:

a. un colloquio sulle materie d’esame di cui all’allegato B, che accerta la preparazione professionale del candidato sulle medesime e verifica la capacità di risolvere due casi riguardanti la funzione di DSGA;

b. una verifica della conoscenza degli strumenti informatici e delle TIC di più comune impiego;

c. una verifica della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura e traduzione di un testo scelto dalla Commissione.

La prova orale ha una durata massima complessiva di 50 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi previsti dalla normativa vigente, e può essere svolta in videoconferenza.

Programma d’esame

Come già detto, il programma d’esame dettagliato è contenuto nell’allegato B del Decreto.

Per la prova scritta, i 60 quesiti sono somministrati secondo la seguente ripartizione:

  • Diritto Costituzionale e Diritto Amministrativo con riferimento al diritto dell’Unione europea n. 5 quesiti;
  • Diritto civile n. 4 quesiti;
  • Contabilità pubblica con particolare riferimento alla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche n. 18 quesiti;
  • Diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego contrattualizzato, n. 10 quesiti;
  • Legislazione scolastica n. 8 quesiti;
  • Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico n. 12 quesiti;
  • Diritto penale con particolare riguardo ai delitti contro la pubblica amministrazione n. 3 quesiti.

L’orale verterà sullo stesso programma d’esame, cui si aggiungeranno le verifiche sulle conoscenze di informatica e di lingua inglese.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...