PROGRAMMI SCOLASTICI PIU’ FLESSIBILI PER CONSTRASTARE L’ABBANDONO DEGLI STUDI

«Greco e falegnameria» i due ingredienti della formula magica per vincere la dispersione scolastica? Questa l’idea avanzata da Benedetta Cosmi sulle pagine del Corriere della Sera. Ma potrebbe valere anche il binomio lettere e elettronica o filosofia e design della moda. Il principio che si vuole veicolare è infatti quello di offrire ai ragazzi percorsi didattici più flessibili e con meno vincoli, per aumentare la possibilità della conclusione degli studi.

Il punto di partenza è che la scuola italiana deve risolvere una volta per tutte la questione della percentuale da record della dispersione. Una realtà che continua a regalare al paese un triste primato in Europa. Tanti i fattori che influiscono sul fenomeno ma una delle cause è individuata nella elevata rigidità del sistema formativo. Per abbattere la dispersione a due cifre percentuali la proposta è appunto di lavorare su questo fronte, seguendo l’orientamento affermatosi in altri paesi.

Al di là dell’obiettivo di rendere più interessante il percorso di studi per abbattere l’abbandono, viene sottolineato come la varietà delle materie favorirebbe lo sviluppo delle capacità di ogni studente.

«Unire i puntini – spiega Cosimi – potrebbe influire positivamente sulla capacità degli studenti di sviluppare ed esprimere il proprio potenziale».

Il problema sarà comunque all’ordine del giorno. Il Consiglio europeo ha indicato quale obiettivo di contenimento il 9% entro i prossimi sette anni. Una sfida non facile, dal momento che in Italia la media è del 12,7%, con punte che arrivano al 21% in Regioni come la Sicilia.

“L’Italia ha sul suo territorio importanti teatri per le rappresentazioni delle tragedie greche, – conclude – è conosciuta nel mondo con il Design del Mobile, il minimo che possiamo fare è lasciare la libertà di studiare Greco e Falegnameria. E perché non altre materie? Ecco, siamo arrivati al punto. Rendiamo più flessibili e personali i percorsi. Aiuterà anche un sistema duale, e i contratti di apprendistato di I livello”.

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...