Quanto dura il TFA?

Chi vuole prendere parte alla specializzazione sul sostegno si chiede quale sia effettivamente la durata del TFA Sostegno. Questo percorso formativo serve a preparare i futuri docenti del settore.

Questi ultimi, hanno l’importante compito di concretizzare la didattica inclusiva. Un approccio educativo che vede il supporto per ogni tipologia di alunno presente nella scuola italiana.

Un insegnante di sostegno svolge il ruolo decisivo di accompagnare coloro che vivono in situazioni di disagio. In aggiunta, bisogna ricordare che non si palesano solamente i problemi fisici o psichici.

Ci sono anche studenti che affrontano sfide familiari, sociali, economiche o scelte da contesti culturali diversi. In tutte queste circostanze, il ruolo del docente di sostegno può avere un impatto significativo.

Il tutto acquisisce ancora più significato alla luce dell’uscita del bando TFA Sostegno 2023. I concorrenti, infatti, devono prepararsi ad affrontare un percorso disciplinato e impegnativo

Qual è la durata del TFA Sostegno 2023

I vincitori della fase selettiva possono prendere parte all’anno scolastico formativo del Tirocinio Formativo Attivo. In merito, però, è bene comprendere la durata del TFA Sostegno 2023.

Il TFA 2023, infatti, si dirama nell’arco di 8 mesi. Durante tale periodo, i candidati devono accumulare 60 CFU. La distribuzione dei suddetti crediti formativi avviene così:

  • 36 CFU negli insegnamenti;
  • 9 CFU di laboratori;
  • 6 CFU di tirocinio diretto;
  • 3 CFU di tirocinio indiretto;
  • 3 CFU per le nuove Tecnologie per l’apprendimento (T.I.C.);
  • 3 CFU per la prova finale.

Gli insegnamenti TFA Sostegno

Quindi, come si è visto, la durata del TFA Sostegno 2023 si estende nell’arco di 8 mesi. Le attività da svolgere, inoltre, sono molteplici e tutte di vitale importanza.

La prova finale costituisce un requisito obbligatorio per ottenere l’abilitazione nel settore. È importante considerare anche le diverse tempistiche associate.

Ogni CFU di insegnamento richiede 7,5 ore di attività in aula e 17,5 ore di studio individuale. 

Chi vuole prendere parte alla specializzazione sul sostegno si chiede quale sia effettivamente la durata del TFA Sostegno. Questo percorso formativo serve a preparare i futuri docenti del settore.

Questi ultimi, hanno l’importante compito di concretizzare la didattica inclusiva. Un approccio educativo che vede il supporto per ogni tipologia di alunno presente nella scuola italiana.

Un insegnante di sostegno svolge il ruolo decisivo di accompagnare coloro che vivono in situazioni di disagio. In aggiunta, bisogna ricordare che non si palesano solamente i problemi fisici o psichici.

Ci sono anche studenti che affrontano sfide familiari, sociali, economiche o scelte da contesti culturali diversi. In tutte queste circostanze, il ruolo del docente di sostegno può avere un impatto significativo.

Il tutto acquisisce ancora più significato alla luce dell’uscita del bando TFA Sostegno 2023. I concorrenti, infatti, devono prepararsi ad affrontare un percorso disciplinato e impegnativo.

Qual è la durata del TFA Sostegno 2023

I vincitori della fase selettiva possono prendere parte all’anno scolastico formativo del Tirocinio Formativo Attivo. In merito, però, è bene comprendere la durata del TFA Sostegno 2023.

Il TFA 2023, infatti, si dirama nell’arco di 8 mesi. Durante tale periodo, i candidati devono accumulare 60 CFU. La distribuzione dei suddetti crediti formativi avviene così:

  • 36 CFU negli insegnamenti;
  • 9 CFU di laboratori;
  • 6 CFU di tirocinio diretto;
  • 3 CFU di tirocinio indiretto;
  • 3 CFU per le nuove Tecnologie per l’apprendimento (T.I.C.);
  • 3 CFU per la prova finale.

Gli insegnamenti TFA Sostegno

Quindi, come si è visto, la durata del TFA Sostegno 2023 si estende nell’arco di 8 mesi. Le attività da svolgere, inoltre, sono molteplici e tutte di vitale importanza.

La prova finale costituisce un requisito obbligatorio per ottenere l’abilitazione nel settore. È importante considerare anche le diverse tempistiche associate.

Ogni CFU di insegnamento richiede 7,5 ore di attività in aula e 17,5 ore di studio individuale

Tuttavia, la situazione è diversa per i laboratori, in quanto ogni laboratorio corrisponde a 1 CFU, pari a 20 ore di attività in aula. Inoltre, i contenuti dei laboratori variano in base all’ordine e al grado della scuola di riferimento.

È necessario esaminare anche le tabelle di marcia per i tirocini. Complessivamente, devono essere completate almeno 300 ore di tirocinio, suddivise tra tirocinio diretto e tirocinio indiretto.

Il tirocinio diretto si svolge presso gli istituti scolastici e ha una durata di 5 mesi, pari a 150 ore per 6 CFU. Per quanto riguarda il tirocinio indiretto, invece, prevede la riflessione sull’esperienza personale dei partecipanti con il supporto dei tutor dei tirocini.

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...