UNA PETIZIONE CONTRO LE CLASSI POLLAIO

Una raccolta di firme per l’abolizione delle classi pollaio e la fondazione di un vero e proprio movimento nazionale formato da docenti, studenti e genitori. Un progetto ambizioso, tanto più che le iniziative sono state promosse dalla stessa insegnante, che ha avviato la campagna per la riduzione del numero degli studenti per classe con una proposta clamorosa.

LA PROTESTA VESTITA DA GALLINA

Nei giorni scorsi si è infatti travestita da gallina per raccogliere l’attenzione su tale tema, centrando a quanto pare l’obiettivo.

La stessa docente, che insegna nella provincia di Treviso, ha inviato una lettera direttamente al ministro dell’istruzione Valditara, La richiesta è che intanto si attivi intanto per la riduzione generalizzata di due unità del numero minimo di studenti previsto attualmente per classe.

OBIETTIVO 16 RAGAZZI PER CLASSE

“Con classi sovraffollate è difficile per gli insegnanti lavorare e per gli allievi imparare. – spiega la promotrice della protesta – Anche perché ci sono spesso alunni stranieri con problemi linguistici, oppure ragazzi e bambini con disturbi specifici dell’apprendimento come la dislessia o con bisogni educativi speciali tra cui difficoltà socio culturali che necessitano di interventi più mirati”.

“Il primo passo è abbassare per esempio in modo generalizzato di due unità il numero minimo di studenti per classe alle secondarie di primo grado. Assieme alle primarie – sottolinea ancora – la situazione è più delicata, vista la giovane età degli alunni”. L’obiettivo è di arrivare attraverso questo provvedimento a ottenere ovunque classi da 16 ragazzi, evitando così i ‘pollai’”.

L’iniziativa sta riscuotendo successo e l’insegnante è ben determinata a proseguire la mobilitazione. La protesta verrà ripetuta nel fine settimana, con l’adesione di altri insegnanti.

Ora che l’iniziativa ha avuto eco sui mass media è probabile che lo stesso ministro intervenga sulla questione. Intanto nei giorni scorsi Valditara ha annunciato l’aumento dei posti di sostegno da assegnare con il percorso Tfa a partire dal prossimo anno.

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...