Concorsi scuola docenti e dirigenti, dall’educazione motoria a quelli per la secondaria: tutti i bandi pubblicati e in arrivo

Concorsi scuola: dal concorso per educazione motoria già pubblicato a quello di religione cattolica e Dirigenti scolastici, passando per i prossimi concorsi per docenti (i bandi saranno due) legati al Pnrr. Vediamo di fare ordine e capire tutto su queste prossime procedure.

Concorso educazione motoria alla scuola primaria

Pubblicato il bando per la procedura concorsuale per 1740 posti di docente di educazione motoria per l’anno scolastico 2023-24.

Decretoallegato A programma e la tabella titoli.

La presentazione delle domande è prevista dall’8 agosto ore 9 al 6 settembre (ore  23:59).

BANDO [PDF] DDG n. 1330 del 4 agosto 2023

Al concorso è possibile partecipare solo se in possesso congiuntamente di uno dei seguenti titoli:

  • laurea magistrale LM-67 Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative»
  • laurea magistrale classe LM-68 «Scienze e tecniche dello sport
  • laurea magistrale nella classe di concorso LM-47 Organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie
  • titoli di studio equiparati alle predette lauree magistrali ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 9 luglio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 7 ottobre 2009, n. 233: laurea 53/S Organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie; 75/S Scienze e tecnica dello sport; 76/S Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative

e dei 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche di cui al DM 616/2017, anche conseguiti dopo il 31 ottobre 2022.

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria, corso di preparazione

Le prove: ci sarà una prova scritta computer based composta da cinquanta quesiti così distribuiti:

  • quaranta quesiti a risposta multipla distinti per ciascuna classe di concorso, volti all’accertamento delle competenze e delle conoscenze del candidato
  • cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

Ci sarà anche una prova orale che valuterà la padronanza della disciplina, nonché la relativa capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento all’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti.

La prova orale valuterà inoltre la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue.

Concorsi docenti PNRR

Procedure in autunno. Questo l’annuncio del Ministro Valditara “Regolamenti al vaglio dell’Europa, contiamo di far partire le procedure in autunno”

Il concorso docenti si articola in:

  • prova scritta
  • prova orale
  • graduatoria di merito

Il primo concorso della fase straordinaria per l’assunzione di circa 35mila docenti, che abbiano maturato 36 mesi di servizio o che siano in possesso dei 24 crediti formativi universitari è dunque atteso a breve. 

Requisiti per i posti comuni

  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + abilitazione per la specifica classe di concorso oppure
  • tre anni di servizio negli ultimi cinque, entro il termine di presentazione della domanda, svolti presso le scuole statali, anche non continuativi, di cui almeno uno specifico oppure
  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022

Gli ITP (tabella B del DPR 19/2016) possono accedere con

  • laurea di primo livello + abilitazione oppure
  • diploma di accesso alla classe di concorso (il requisito sarà in vigore fino al 31 dicembre 2024).

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...