GIOVANI LETTORI CRESCONO GRAZIE ALLE PIATTAFORME DIGITALI

Gli studenti leggono sempre di più. È la piacevole sorpresa emersa dal recente studio condotto dall’Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino.

A commissionare la ricerca è stato il Ministero alla cultura unitamente al Centro per il libro. L’occasione è stata offerta dall’XI edizione 2023 del Festival del giornalismo culturale “Leggere per…” e che ha avuto come sottotitolo “Il futuro del giornalismo culturale nell’era degli schermi”. L’obiettivo dell’edizione di questo anno è di analizzare l’evoluzione o la “rivoluzione” dell’azione del leggere attraverso le testimonianze di giornalisti culturali, scrittori, studiosi, ai quali è stato chiesto di esporre il proprio rapporto con il leggere e quali sono i prodotti privilegiati della lettura per il loro lavoro.

RISULTATI DELLO STUDIO

La ricerca è stata finalizzata a fare in quadro circa il rapporto con i testi della generazione Z, per capire i nuovi orientamenti e la modificazione dei comportamenti verso la lettura.

E a quanto pare, è da sfatare l’assunto che i ragazzi leggano meno. Invece è emerso l’opposto: i ragazzi dedicano maggior tempo alla lettura rispetto agli anni passati ma lo fanno attraverso i nuovi dispositivi digitali.

L’altra bella notizia è che non sarebbe vero che il libro di carta è morto, anzi. I ragazzi e le ragazze fra i 14 e i 19 anni non disdegnano il libro tradizionale, amandone tutte le caratteristiche che esso porta con sé.

Oltre al libro di carta si legge sui vari dispositivi, dal Kindle all’e-book. Ma l’indagine ha evidenziato come sia rilevante l’attività di lettura dedicata alle mail, ai commenti, alla chat fino ai sottotitoli delle serie tv e dei film, finanche ai messaggi sullo smartwatch.

I DATI EMERSI

In particolare questi i dati emersi: sullo smartphone leggono messaggi personali (88%), in-game chat (35%), articoli su siti di news (68%) e sottotitoli di video online (68%).

Su pc e laptop si riscontra invece poca attività di lettura così come sul tablet, mentre ciò che conta maggiormente è la possibilità di combinare ascolto e lettura, modalità fondamentale soprattutto per gli intervistati 16-19enni.

Booktok ha la meglio su tutto e tutti: Tiktok è utilizzato dal 68% degli intervistati, scelto per i video dal 91% mentre per i testi solo dall’8%. Quello che però è davvero interessante è che il 70% segue live, commenti e presentazione di libri sui social dove l’hashtag BoohTok ha la meglio rispetto ad altre piattaforme, pur utilizzate e conosciute come Instagram o Twitch.

Insomma sembra proprio che multimedialità sia sempre di più la parola chiave anche per leggere, rappresentando un collante interessante del quale, oltre agli editori, la scuola deve tener sempre più conto per essere in grado di valorizzare la lettura.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...