PNNR SCUOLA VERSO LA PROROGA

Ipotesi proroga per la presentazione dei progetti finanziati con i fondi del PNNR. Per molte scuole riuscire a completare la procedura entro il 30 settembre è impresa impossibile, quindi sono centinaia le richieste avanzate al ministero per uno slittamento della scadenza.

L’IMPEGNO DELL’ANQUAP

Di tale richiesta si sta facendo interprete l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche (Anquap), che ha in corso un tavolo di discussione con l’esecutivo. Pur essendoci la disponibilità la questione è complicata, essendo coinvolti molteplici soggetti, come il MEF e la specifica Commissione.

DIRIGENTI SCOLASTICI SUL PIEDE DI GUERRA

A caldeggiare tale soluzione sono soprattutto i dirigenti scolastici, per i quali gestire un iter a dir poco complesso è diventato un incubo.

La scadenza della presentazione dei progetti è coincisa peraltro con l’inizio dell’anno scolastico, che ha riproposto tutti i problemi legati alla carenza di organico. Gestire il tutto, come si legge in irigentiscolastici.it, significa lavorare in condizioni difficilissime.

“Oltre alle scuole sottodimensionate, a causa del mancato affidamento degli incarichi ad oltre 200 istituzioni scolastiche normo dimensionate, circa 2.400 scuole hanno mezzo dirigente! – si legge nel sito dell’associazione – A nulla sono valse le richieste e proposte di ripristinare temporaneamente l’istituto dell’incarico utilizzato in passato in analoghe circostanze. Tra depennati e vincitori del concorso in possesso dei requisiti previsti dall’emanando concorso riservato, tutte le scuole normo dimensionate potevano avere un dirigente competente e preparato. Una barca senza timoniere e con tante falle è destinata ad affondare se l’Amministrazione non prende urgentemente gli opportuni provvedimenti”.

La gestione dei progetti finanziati attraverso il PNNR è la goccia che sta facendo traboccare il vaso, se è vero che Dirigentiscuola arriva a minacciare “la proclamazione della disobbedienza civile per tutelare le scuole in difficoltà”.

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...