Concorso docenti secondaria: non ci saranno idonei e il concorso non sarà abilitante. Punteggio per mobilità e graduatorie interne

Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato sul sito inPA i bandi:

Le domande possono essere presentate entro il 9 Gennaio 2024 ore 23:59.

CONCORSO SECONDARIA

Al concorso della scuola secondaria si può partecipare se in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti alternativi:

  • Abilitazione nella specifica classe di concorso per cui si intende concorrere.
  • Titolo di accesso alla classe di concorso + Tre anni di servizio negli ultimi cinque anni (di cui almeno uno nella specifica classe di concorso).
  • Titolo di accesso alla classe di concorso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022.

CI SARANNO IDONEI?
I bandi e i regolamenti concorsuali prevedono che:

Si prevede quindi che le graduatorie concorsuali saranno composte da un numero di vincitori pari al numero di posti messi a bando. Non ci saranno quindi idonei salva la possibilità di “recuperi” per eventuali rinunce all’immissione in ruolo intervenute successivamente.

QUOTE DI RISERVA
Le graduatorie concorsuali saranno redatte tenendo conto delle quote di riserva previste dalle Leggi 68/1999 e dagli articoli 1014, comma 1, e 678, comma 9, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 (codice dell’ordinamento militare), e l’articolo 1, comma 9-bis del decreto-legge 22 aprile 2023, n. 44, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2023, n. 74.

In particolare:

  • i bandi prevedono una riserva di posti, pari al 30 per cento per ciascuna regione, classe di concorso e tipologia di posto, in favore di coloro che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni scolastici  (nei dieci anni precedenti) di cui uno nella classe di concorso/tipologia di posto per la quale concorre.
  • Nella compilazione delle graduatorie si applicano le riserve previste per le c.d. categorie protette (Legge 68/1999) nonché a favore dei militari volontari congedati.

IL CONCORSO NON SARÀ ABILITANTE
Va precisato che il concorso in questione non sarà abilitante, nel senso che il mero superamento delle prove non conferirà l’abilitazione all’insegnamento.

Per coloro che vincono i concorsi, ma siano privi dell’abilitazione, è prevista la stipula di un contratto a tempo determinato durante il quale verrà completato il percorso formativo al fine di raggiungere i 60 crediti complessivi al termine del quale verrà acquisita l’abilitazione all’insegnamento.

In particolare:

  • Coloro che partecipano al concorso con i 24 CFU, dopo il superamento del concorso, dovranno completare la formazione con ulteriori 36 CFU di cui 10 di tirocinio diretto e 3 di tirocinio indiretto.
  • Coloro che partecipano al concorso con le 3 annualità di servizio svolte negli ultimi 5 anni, dopo il superamento del concorso, dovranno completare la formazione con ulteriori 30 CFU di cui 9 CFU di tirocinio indiretto.

L’abilitazione sarà quindi conseguita solo al termine del percorso di formazione e previo superamento della prova finale di abilitazione.

Solo successivamente verrà stipulato il contratto a tempo indeterminato e si svolgerà il tradizionale anno di formazione e prova ai fini della conferma in ruolo. 

CONCORSO ORDINARIO O STRAORDINARIO?
Il concorso in questione si configura come ordinario.

Come conferma la UIL Scuola, Il superamento delle prove del concorso dà diritto al punteggio spendibile nelle graduatorie per le supplenze o, per il personale di ruolo, nella mobilità e nella graduatoria interna di istituto, secondo le rispettive tabelle di valutazione dei titoli. Ciò indipendentemente se si rientra o meno nei posti disponibili.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...