LA RIFORMA DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI VERSO L’APPROVAZIONE DEFINITIVA

È in dirittura d’arrivo l’approvazione della riforma degli istituti tecnici e professionali. Il testo infatti ha ottenuto l’approvazione in Commissione e approderà presto alla Camera.

La novità più importante è l’introduzione del percorso di sei anni (4+2). Tale percorso è già stato  avviato in via sperimentale e da settembre altri istituti potranno anticipare la riforma.

IL 4+3 E IL RUOLO DELLE REGIONI

Il piano di studio vede un ruolo di primo piano delle regioni. Il percorso è infatti finalizzato a introdurre attività legate alla filiera tecnologico-professionale rispondente alla realtà territoriale.

Tale scelta è peraltro oggetto di contestazione da parte delle opposizioni, che puntano il dito contro una logica legata commerciale

IL CAMPUS

Altra novità è rappresentata dall’introduzione del “campus”, una comunità composta da scuole, centri di formazione professionale e Its Academy. È previsto anche l’inserimento di docenti esterni  provenienti dal mondo delle imprese.

Si prevede anche la promozione di accordi di partenariato per incrementare l’alternanza scuola-lavoro e i contratti di apprendistato, valorizzando le opere soggette a diritto d’autore e proprietà industriale realizzate nei percorsi tecnici e professionali.

COMITATO DI MONITORAGGIO NAZIONALE

La riforma ha previsto l’istituzione di una Struttura tecnica per la promozione della filiera tecnologico-professionale, che è divenuta attiva dal 1 gennaio 2024.

Entro 90 giorni dall’entrata in vigore della riforma dovrà invece essere insediato presso questa Struttura il Comitato di monitoraggio nazionale per la filiera formativa tecnologico-professionale.

I passaggi da ultimare sono quindi ancora molti e con ogni probabilità la riforma entrerà in funzione soltanto nell’anno scolastico al 2025/2026.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...