700 scuole colpite da covid: “Troppe quarantene”

Fonte: Tecnica della Scuola, 30 settembre 2020

“Troppe quarantene in Italia. Si rischia di fermare il Paese”: lo ha affermato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, in riferimento al susseguirsi dei casi delle disposizioni prese a seguito della registrazione di contagi nelle scuole registrati dal database messo a punto da due ricercatori.

Stando ai risultati emersi le scuole che hanno registrato almeno un caso di Covid sono 738. Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta del 75,8%, a risultare positivi sono gli studenti, mentre la percentuale dei docenti risulta attestata sull’11,4%. La maggior parte dei casi è stata registrata negli istituti superiori (31% del totale) ma va sottolineato che soltanto in pochi casi è stata disposta la chiusura dell’istituto. Le regioni che hanno registrato il maggior numero di casi sono, nell’ordine, Emilia, Lazio, Toscana, Lombardia e Veneto.

Al fine di avere un quadro sempre aggiornato della situazione il ministero dell’Istruzione ha disposto che i presidi inseriscano settimanalmente nel sistema messo a punto nei giorni scorsi le informazioni riguardanti ogni singolo caso di contagio. Secondo il viceministro Sileri per poter arrivare a una piena valutazione della situazione si dovranno attendere almeno due settimane ma non sono i focolai a preoccupare il governo.

“Sono preoccupato dalle quarantene, perché il rischio è che ogni volta che si riscontra uno studente   positivo scatti venga deciso l’isolamento per un discreto numero di persone”. La conseguenza è che con la concomitanza dell’influenza l’Italia venga fermata non per una dichiarazione di lockdown ma a causa del numero spropositato delle quarantene.

Pasquale Almirante

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...