Giornata mondiale dell’insegnante, col Covid più rischi e lavoro: ma di aumenti a tre cifre non si parla più

Fonte: Tecnica della Scuola – 5 ottobre 2020

Sono i docenti, oggi, a scendere in prima linea contro il Covid-19. Con I contagi in aumento, è a loro, insegnanti di ruolo o precari, che si chiede di prendersi cura dei nostri ragazzi. Ed è sempre a loro che si chiede di entrare in classe, passare ore a contatto con alunni a volte anche positivi, ma asintomatici, in ambienti chiusi e classi spesso sovraffolate, protetti solo da una mascherina, non riconoscendogli alcuna indennità. Ed oggi, 5 ottobre, si festeggia la Giornata Mondiale dell’Isegnante, istitutita 26 anni fa dall’Unesco per evidenziare il prezioso ruolo dei docenti nel percorso di formazione, educazione e guida dei giovani. Ruolo ed importanza che probabilmente solo oggi, a seguito della pandemia, si riesce a in parte a capire. E solo oggi si prende in considerazione il fatto che il contratto nazionale è scaduto da quasi due anni, ma gli incarichi di loro sono aumentati, soprattutto con il Coronavirus. Lo stipendio, però, fino ad oggi, rimane sempre lo stesso: si resta, infatti, fermi agli stanziamenti incamerati dalle ultime due leggi di Bilancio, che però non superano i 70-80 euro lordi medi l’anno. Oggi, che è la Giornata Mondiale dell’Insegnante, si spera che la scuola possa entrare nel futuro illuminata da nuove prospettive e che l’insegnante possa entrarvi come un tempo facevano gli storici “maestri”: a testa alta.

Alessandro Giuliani

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...